NEWS
L'Abruzzo regola (poco e male) l'attività di lobbying
Scritto il 2010-12-14 da Franco Spicciariello su Italia

La legge regionale in questione regolamenta l’attività di rappresentanza presso il Consiglio Regionale e la Giunta Regionale d’Abruzzo, dei ‘gruppi di interessi particolari’ ossia dei gruppi portatori di interessi leciti di rilevanza non generale, anche di natura non economica. Scarica il testo della legge.

L'attività di rappresentanza di interessi particolari (attività di lobbying) già praticata a tutti i livelli, europeo, nazionale, regionale e locale, non è disciplinata dall'ordinamento italiano, a parte Toscana e Molise, e nonostante oltre trenta tentativi a livello parlamentare (e uno del Governo prodi) negli ultimi 30 anni. Il progetto di legge si compone di 7 articoli. L'articolo 1 è dedicato alle finalità, l'articolo 2 reca le definizioni.

L'articolo 3 detta la disciplina dell'accreditamento mediante l'iscrizione nel Registro pubblico dei rappresentanti di interessi particolari. Il Registro è istituito presso il Consiglio regionale «che ne garantisce, senza oneri aggiuntivi a carico della finanza pubblica e utilizzando le risorse umane e strumentali a disposizione, la pubblicità dei contenuti nell'ambito di una sezione dedicata e accessibile del proprio sito internet istituzionale».

L' articolo 4 disciplina i requisiti e le modalità di iscrizione nel Registro. L' articolo 5, sui diritti dei rappresentanti di interessi particolari, prevede che l'attività di rappresentanza di interessi particolari può riguardare atti proposti o da proporre all'esame del Consiglio regionale. Inoltre entro novanta giorni dall'entrata in vigore della legge, la Giunta regionale definisce le forme e le modalità di esercizio l'attività di rappresentanza di interessi particolari relativamente agli atti di propria competenza.

L'articolo 6 reca la disciplina delle sanzioni. Nel caso in cui i rappresentanti dei gruppi di interesse esercitino, nei confronti dei decisori pubblici, forme di pressione tali da incidere sulla loro libertà di giudizio e di voto, l'Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, in conformità ai criteri predeterminati con propria deliberazione, commina una sanzione sulla base della gravità della violazione stessa.

L'articolo 7, recante disposizioni transitorie, prevede che in sede di prima attuazione, i gruppi di interesse possono chiedere di essere accreditati mediante l'iscrizione nel Registro entro sei mesi dalla data della entrata in vigore.

La norma presenta alcune lacune con specifico riferimento - ad esempio - alla conseguenza delle eventuali sanzioni nei confronti di chi non rispetta la norma e sui "minori diritti" dei non iscritti e per l'attività di lobbying portata avanti senza iscriversi, che invece vista la presenza di una norma di questo genere dovrebbe rappresentare un obbligo. Mancano poi una serie di obblighi di trasparenza per i lobbisti e per gli organi regionali: non si prevede infatti alcuna rapportistica da parte di entrambi.

Da valutare invece con favore l'introduzione all'art. 4 della regola sulla revolving door, che prevede un periodo di due anni per potersi iscrivere nelr egistro in qualità di lobbista dopo aver abbandonato la carica di Consigliere o Assessore. peccato che in caso di esercizio dell'attività non siano previste sanzioni. il che in realtà rende questa specifica inutile.

Sempre l'articolo 4 però introduce il principio secondo cui si possono iscrivere al Registro "i gruppi di interesse la cui organizzazione interna sia regolata dal principio democratico". Questa purtroppo è la pietra tombale di una norma la cui impostazione avrebbe potuto invece aprire barlumi di trasparenza nel panorama regolatorio lobbistico italiano, che attualmente vede esistenti le sole leggi regionali di Toscana e Molise. Ma quella abruzzese, come le due precedenti, a causa proprio dell'impostazione inserita nell'articolo 4, è destinata ad essere un nuovo buco dell'acqua, finendo infatti per escludere aziende (a meno che non passino non attraverso le "classiche" organizzazioni di rappresentanza), società di consulenza e professionisti. Errore madornale se davvero si voleva una reale trasparenza.

Soddisfatto il consigliere Riccardo Chiavaroli (Esperto di comunicazione, laureato in psicologia, eletto nel listino collegato al presidente Giovanni Chiodi) che ha presentato la proposta di legge intitolata 'Disciplina sulla trasparenza dell’attività politica e amministrativa e sull’attività di rappresentanza di interessi particolari'. «La legge», spiega l'esponente della maggioranza, «oltre a i suoi aspetti operativi, sancisce finalmente un punto fermo di carattere sociale : l’attività di ‘lobbying’ non è di per sé un fatto negativo, anzi rappresenta una opportunità per tutti, se esercitata alla luce del sole e secondo norme precise. Non mi illudo», continua "che la sola legge possa evitare il rischio malaffare o l’ingerenza di gruppi clandestini ed affaristici nella vita politica regionale, tuttavia ritengo che la mia legge potrà essere un primo vero passo per far emergere i legittimi portatori di interessi specifici a detrimento delle cricche di vario genere".

Soddisfazione invece che secondo noi non ha proprio motivo di esistere.

Franco Spicciariello - LI.Info


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web-storage/www/king-kontent/wp-comunicablog/wp-content/themes/layout-comunicablog-generale/single-post.php on line 199
Articoli Correlati
Lunedì 2 Luglio alle ore 17,30 a Roma nella sede di Confedilizia, Via Borgognona 47, si terrà il seminario organizzato da Open Gate Italia in collaborazione con FB & Associati dal titolo “Dalla crisi politica alla crisi istituzionale: quali (nuove) regole per la Terza Repubblica?” Dopo un’introduzione del Prof. Giovanni Guzzetta, Presidente di Open Gate Italia, affronteranno il dibattito, moderati da Andrea Morbelli Partner della società di consulenza Open Gate Italia, il Senatore Anna Maria Bernini di Forza Italia, l’Onorevole Stefano Ceccanti del Partito Democratico, il Senatore Vincenzo Presutto del Movimento 5 Stelle, l’Onorevole Guido Crosetto di Fratelli d’Italia e Fabio Bistoncini, AD & Founder FB & Associati.  Si parla di crisi di sistema. Quando la Terza Repubblica affronterà le riforme?  Il seminario partirà dall'interrogativo posto dal Presidente di Open Gate Italia, Prof. Giovanni Guzzetta: “Quali istituzioni per la Terza Repubblica? Il tema delle riforme istituzionali è da sempre consegnato ad un amaro destino e nei momenti più drammatici di crisi del sistema politico vengono invocate a gran voce. Ma in quei momenti la gravità della crisi rende impossibile realizzarle. Quando, più o meno miracolosamente, la crisi trova una soluzione, per quanto provvisoria, le riforme escono di scena e l’attenzione viene focalizzata sulle speranze suscitate dai nuovi equilibri”. Per info: www.opengateitalia.com – email: info@opengateitalia.com

Imprese - Lobbyingitalia

Professionisti oppressi da montagne di documenti e dalla burocrazia che comporta l'interazione con gli uffici giudiziari? In vostro aiuto arriva GenIUS di Astalegale.net, il software conveniente e semplice pensato per snellire e facilitare le procedure del Processo Civile Telematico (PCT). Società leader in Italia nel settore della pubblicità legale e nell'informatizzazione delle procedure esecutive e concorsuali, Astalegale.net ha messo ha frutto l'attività pluriennale svolta presso diversi Tribunali per sviluppare un gestionale dedicato ad avvocati, commercialisti, agronomi e periti a vario titolo operanti con i Tribunali d'Italia, che consente la redazione di documenti e il loro deposito con valore legale (ovvero con certificato di ricezione dalla cancelleria) e in modo telematico e prevede numerose altre funzioni di grande utilità per i professionisti. Come spiegato nel video di presentazione del software, GenIUS permette infatti di liberarsi di carta e incombenze e di ottimizzare i tempi con un servizio all in one che dà la possibilità di consultare, inviare, archiviare e delegare atti e documenti e di gestire la fatturazione alla PA e il pagamento delle spese di giustizia completamente per via telematica, appoggiandosi a un unico ambiente. In particolare, il gestionale di Astalegale.net risponde all'esigenza prevista dalla nuova normativa secondo la quale tutte le fatture per la PA devono essere in formato elettronico, ricercando automaticamente gli enti ai quali emettere le fatture, inoltrando queste ultime al sistema ministeriale per la validazione, monitorandone la convalida e conservandole a valore legale per 10 anni come richiesto. Per quanto riguarda le spese di giustizia, invece, oltre a permettere di effettuare i pagamenti in modalità telematica, GenIUS consente anche di ricercare le ricevute direttamente nei registri di cancelleria. Inoltre, il sofwtare di Astalegale.net è web based senza installazione, prevede la funzione backup per tutto, non richiede aggiornamenti e può essere utilizzato da qualsiasi dispositivo, anche mobile. Last but non least, GenIUS è semplice da utilizzare grazie a un wizard che spiega tutti i procedimenti, a una guida online sempre aggiornata, a un numero verde dedicato e a un team di specialisti dislocato presso 60 Tribunali che offre un'assistenza diretta puntuale e qualificata. Maggiori informazioni su GenIUS e su tutti i servizi e le attività di Astalegale.net sono disponibili sul sito infogenius.astalegale.net. Sponsored by Astalegale

Imprese - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS