NEWS
Fare lobby aiuta anche il bilancio: come quantificare i benefici finanziari del lobbying
Scritto il 2018-01-18 da Redazione su World

(@FraAngelone) Il destinatario tradizionale di un’azione di lobbying è il policy-maker, il decisore pubblico. Tuttavia, a volte il lobbista è anche policy-maker. No: non si tratta del fenomeno sgradevole o illegale delle ‘porte girevoli’ né di quella pratica che appartiene all’accezione negativa di lobbying e che richiama l'idea di pressioni sotterranee esercitate da poteri forti e occulti.

Perché spesso la definizione generalmente accettata di lobbying si concentra sull’iter legislativo, il procedimento di formazione della norma (lawmaking), ma esiste un’altra attività, quella di rulemaking, che attiene alla regolamentazione di una determinata materia e che può essere altrettanto redditizia per gli interessi che vi prendono parte. È questo l’oggetto di uno studio pubblicato dal Washington Center for Equitable Growth.

Fare lobby conviene soprattutto nei mercati regolamentati

Gli autori dello studio si sono presi la briga di andare a verificare la differenza tra i benefici ricavati da chi ha partecipato al rulemaking in materia bancaria approcciando le agenzie federali (cui è demandato il compito di specificare il contenuto delle leggi) e chi non vi ha partecipato. E quello che è emerso è che c’è una dimensione finora sottostimata nella valutazione circa le differenze di influenza sulle politiche: la competenza o, meglio ancora, la capacità di mobilitare le competenze.

Le agenzie federali statunitensi, secondo quanto prevede l’Administrative Procedures Act, sono tenute a rendere pubblicamente disponibile per un determinato periodo di tempo un regolamento proposto in modo che chiunque, un privato o un rappresentante di un'impresa, possa fornire i propri commenti e suggerimenti. Le agenzie riesaminano tali commenti e li inseriscono nel processo decisionale e nel provvedimento finale. Durante queste vere e proprie consultazioni è plausibile pensare che le istituzioni finanziarie (per restare al caso oggetto dello studio sopra citato) abbiano maggior voce in capitolo per know-how e per possibilità di spesa utile a mobilitare tale know-how. Questi strumenti, non lo scopriamo oggi, danno a tanti la possibilità di partecipare, ma nulla possono a fronte di un evidente gap di competenze tra chi vi prende parte.

Un gap che è economico in partenza e al traguardo. Le imprese pensano che ci sia un qualche vantaggio finanziario da trarre dalla partecipazione al processo normativo, altrimenti non lo farebbero. E l’expertise di cui dispongono, la capacità che esse hanno (tramite i loro uffici legal and regulatory affairs) di entrare nel dettaglio della regolamentazione, delle loro ricadute negative e positive, solleva il legittimo dubbio che il processo di rulemaking non sia altro che l’ennesimo canale attraverso cui influenzare il processo normativo per servire i propri interessi, non l’interesse pubblico, in barba alla trasparenza. Per di più, lo studio di Carpenter e Libgober ha scoperto alcuni elementi interessanti. Le banche che hanno partecipato alle consultazioni sulle riforme del settore dal 2010 in poi hanno avuto significativi benefici sul mercato azionario rispetto ai loro competitor che sono rimasti silenti.

Il beneficio economico della competenza 

Che sia, quindi, la competenza ad influenzare il decisore pubblico non può essere altro che un bene. Che questa competenza sia possibile mobilitarla prevalentemente attraverso fondi disponibili solo ai grandi interessi economici di parte è, ancora, una questione per gli scienziati sociali. Di fatto, la trasparenza delle procedure è un anticorpo importante per garantire la sostanzialità della democrazia e la competenza, la profonda conoscenza dei risvolti possibili della legislazione, non è ancora un disvalore. Del resto, l’attività di lobbying non ha il solo scopo di convincere il decisore pubblico, ma anche quello di informarlo e se per convincerlo lo informa, genera, attraverso un’attività collaterale, un’esternalità positiva.

(Fonte foto: Center for Responsive Politics)

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS