NEWS
A Bruxelles i lobbisti Volkswagen contano come un capo di governo (Italia Oggi)
Scritto il 2016-01-28 da Redazione su Europa

Dieselgate e Volkswagen: finalmente si scoprono gli altarini. Ancora prima che la Commissione d'inchiesta del Parlamento europeo inizi a lavorare, per appurare le responsabilità politiche dei mancati controlli sui gas di scarico nocivi (vedi ItaliaOggi di ieri), ecco spuntare le prime indiscrezioni sull'incessante lavoro delle lobby automobilistiche sui centri decisionali Ue. Come era facile da prevedere, la Volkswagen, prima casa automobilistica europea, detiene un primato schiacciante anche in questo campo: dal dicembre 2014 a oggi, i suoi dirigenti che coltivano i rapporti con gli uffici della Commissione Ue a Bruxelles, hanno speso 3,3 milioni di euro per coprire le spese relative a 21 incontri con alti dirigenti Ue, compresi otto meeting con alcuni commissari dell'esecutivo guidato da Jean-Claude Juncker. Un trattamento da capi di governo. Dati pubblici, annotati nel Registro Ue per la trasparenza, che dà conto del lavoro di tutte le lobby europee.

Inutile dire che la lobby dell'auto è considerata la più potente a Bruxelles; da alcuni è definita addirittura «invincibile». L'industria automobilistica europea dà lavoro a milioni di persone, e tutti i leader politici, nazionali ed europei, hanno sempre fatto ponti d'oro ai loro top manager. Tanto che questi ultimi, tedeschi in testa, non hanno mai avuto problemi a farsi ricevere a Bruxelles ad alto livello, soprattutto a farsi ascoltare e vedere esaudite le proprie richieste. Il che ha lasciato tracce precise in molte regole Ue sull'auto, oltre che nel Registro Ue per la trasparenza . Ed è qui che spiccano i 2,5 milioni di euro spesi dall'Associazione europea dei produttori di auto (Acea), che a partire dal dicembre 2014, data di inizio della Commissione Juncker, ha collezionato 29 incontri ad alto livello con i capi Ue.

Altri 2,5 milioni li ha spesi l'Associazione tedesca dei produttori d'auto (Vda), che ha chiesto e ottenuto 18 meeting con gli euro-burocrati, a dimostrazione di un'influenza nazionale molto forte. A loro volta, giganti dell'auto come Opel, Peugeot e Daimler hanno dichiarato, in media, una spesa di mezzo milione l'anno ciascuno per le attività di lobbying negli uffici europei, mentre la Renault non è andata oltre 400 mila euro. Sulla ex Fiat, oggi Fca, almeno finora, non risulta nulla.

Quanto ai temi affrontati dai lobbisti nei loro incontri con gli euroburocrati, il riserbo è totale. L'associazione tedesca dei costruttori d'auto (Vda), richiesta di chiarimenti su questo punto dal sito politico.eu, si è trincerata dietro un rigoroso «no comment»: prima vuole conoscere quali sono le domande che la Commissione d'inchiesta intende porre nel corso dell'indagine. Solo a quel punto, ha precisato un suo portavoce, i costruttori d'auto tedeschi faranno sapere la loro strategia difensiva. Più o meno la stessa pozione è stata assunta anche dall'Associazione dei costruttori d'auto europei (Acea).

Si dà tuttavia per scontato che la Commissione d'inchiesta indagherà anche sull'uso che è stato fatto dei finanziamenti Ue alle case automobilistiche. Un passo inevitabile, secondo il quotidiano Sueddeutsche Zeitung, che vedrà la Commissione affiancarsi all'Olaf, l'ufficio europeo antifrode, già impegnato nelle indagini sui finanziamenti Bei per ricerca e sviluppo, destinati però a scopi diversi da quelli autorizzati. Indagine mirata, sostiene la Suddeutsche Zeitung, sui 4,6 miliardi di euro a tassi agevolati, concessi dalla Bei alla Volkswagen a partire dal 1990, per lo sviluppo dei motori ecologici.

Oltre ai produttori d'auto, la Commissione d'inchiesta potrà convocare, senza alcun limite, sia gli alti burocrati Ue, sia i politici con responsabilità europee o nazionali. Il suo mandato è molto ampio: nel giro di un anno, deve verificare se la Commissione Ue ha assicurato effettivamente i controlli sui «cicli di prova utilizzati» per le emissioni inquinanti delle auto diesel; se l'esecutivo europeo e gli Stati membri hanno adottato «le misure appropriate ed efficaci per sorvegliare e rendere effettiva l'applicazione dell'esplicito divieto dell'impianto di manipolazione»; se c'è stata una omissione da parte della Commissione sull'introduzione di test sulle condizioni reali di guida.

Non solo. I 45 eurodeputati della Commissione dovranno verificare se c'è stata una «mancata definizione da parte degli Stati membri di sanzioni effettive, proporzionali e dissuasive, applicabili ai costruttori per le violazioni», e se la Commissione e gli Stati membri disponevano di «elementi di prova dell'uso di meccanismi di manipolazione prima del 18 settembre 2015», data in cui è scoppiato lo scandalo Volkswagen. Dunque, un vero e proprio processo tecnico e politico a 360 gradi, di cui gli inquirenti dovranno rendere conto dopo sei mesi con una relazione parziale, e dopo un anno con quella finale. Per la guida della Commissione d'inchiesta, vista la posta in gioco, popolari e socialisti sono ai ferri corti: i nomi in gara sono quelli dell'eurodeputato lettone del Ppe, Krisjanis Karins, e della socialdemocratica belga, Kathleen Van Brempt. Due figure minori. La regista vera (di nome Angela), uscirà strada facendo.

Fonte: Tino Oldani, Italia Oggi

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS