NEWS
Volkswagen e Cdu, chi fa lobbying sul partito della Merkel [Il Giornale]
Scritto il 2015-09-24 da Redazione su Europa

I colossi dell'auto foraggiavano la Cdu della Cancelliera, influenzando le scelte del governo.

«L'industria automobilistica tedesca ha fatto del governo federale il suo più importante alleato: un capolavoro di lobbismo» scrive Die Welt (lo stesso quotidiano che ha accusato il governo Merkel di aver chiuso un occhio sulla truffa delle emissioni targata Volkswagen) in una inchiesta sulle cortesie reciproche tra colossi dell'auto e politica teutonica.
Alleanza di ferro che passa anche dai generosi finanziamenti delle case automobilistiche (prima industria tedesca, 750mila posti di lavoro) ai partiti del Bundestag, in particolare la Cdu della cancelliera Merkel. Nel maggio 2015, si legge nel rendiconto del parlamento federale tedesco, alla Cdu sono arrivati 100mila euro da Daimler Ag di Stoccarda, il gruppo proprietario del marchio Mercedes, gigante del settore. Finanziamento che si ripete, peraltro, ogni anno. Mentre nel 2013, sotto elezioni, si è scoperto che la famiglia Quandt, proprietaria del 46% di Bmw, aveva donato 690mila euro al partito della Merkel, «la donazione più alta mai ricevuta da un partito a meno di un mese dal voto» accusò l'associazione LobbyControl . Se la Volkswagen non appare nelle liste dei «Große Spender» finanziatori della politica tedesca è per un semplice motivo: l'azienda di Wolfsburg è in parte pubblica. Il secondo azionista di Volkswagen, col 20%, è infatti il Land della Bassa Sassonia.

La capacità dell'industria automobilistica di influenzare le politiche governative è enorme. E spesso le porte tra aziende e partiti sono girevoli. Il capo della potente Vda (Verband der Automobilindustrie), l'associazione costruttori di automobili, si chiama Matthias Wissmann, e ha un passato eloquente: giovanissimo deputato della Cdu, poi ministro dei Trasporti nei governi Kohl, quindi ancora parlamentare Cdu durante il primo governo Merkel, nel 2007 lascia per diventare presidente della Vda. E far così fruttare la sua formidabile rete di contatti. «La lista dei desideri da inviare ad Angela Merkel - racconta Die Welt - viene completata a mano da Wissmann con la frase: “cara Angela...”». La Merkel, che il quotidiano conservatore arriva a definire «la lobbista più importante dell'industria automobilistica tedesca». Ma in ottima compagnia. Il capo dei lobbisti della Mercedes, Eckart von Klaeden, è stato tesoriere della Cdu fino al 2010, poi ministro della Cancelliera Merkel prima di diventare responsabile Public Policy di Daimler (Mercedes). Mentre l'ex capo di Volkswagen Martin Winterkorn (si è dimesso ieri, travolto dallo scandalo sulle emissioni truccate), ha assunto come capo delle relazioni politiche Thomas Steg, ex portavoce del governo federale di Grosse Koalition (ancora Merkel). Si stima che un centinaio di lobbisti tutelino gli interessi della Volkswagen in Europa e nel resto del mondo dov'è presente il marchio. E il lavoro non mancherà nei prossimi giorni.

Le relazioni a Berlino contano e danno ottimi frutti. Il governo tedesco, che a Bruxelles pesa più di tutti, quando c'è da difendere l'industria dell'auto tedesca non cede di un millimetro. Tra le decisioni politiche che più impattano sul business ci sono le normative sulla riduzione dei gas inquinanti. Ed è lì che la lobby dell'auto teutonica ha compiuto il capolavoro, grazie all'influenza del governo federale in Europa. Quando nel 2013 si discute a Bruxelles i nuovi parametri, i colossi dell'auto sono in fibrillazione. Una stretta sul numero di grammi permessi di Co2 per km avvantaggerebbe i produttori di utilitarie (come quelle italiane) e svantaggerebbe i tedeschi, padroni del settore grosse cilindrate. La missione è semplice: cambiare l'accordo raggiunto. Si mette in moto la lobby che arriva fino ad Angela Merkel e ai suoi ministri, che sbattono i pugni con i partner europei barattando parametri più laschi per i gas di scarico con fondi dal budget europeo (e «mettendo sotto ricatto paesi come il Portogallo, dove Volkswagen ha delle fabbriche» accusano i Verdi tedeschi). E il risultato viene raggiunto. Un asse indistruttibile. Come le auto tedesche.

Paolo Bracalini, Il Giornale

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS