NEWS
USA2016, tanti candidati, un unico obiettivo: i lobbisti
Scritto il 2015-09-01 da Redazione su World

Hillary Clinton ha dichiarato il proprio appoggio a una nuova regolamentazione proposta dalla sinistra democratica sul tema della regolamentazione del lobbying, segnando un punto a favore dei progressisti liberal che sono sempre più un cavallo di battaglia della ex first lady per la candidatura alle Presidenziali del 2016.

Il Bill presentato dal senatore del Wisconsin Tammy Baldwin e sponsorizzato anche dalla senatrice Elizabeth Warren intende attenuare il meccanismo delle revolving doors tra Wall Street e Washington. La Clinton conviene nell’affermare che la fiducia degli americani nell’establishment istituzionale “si sta erodendo. Il popolo americano deve essere messo in condizione di fidarsi di ogni persona che lavora a Washington, dal Presidente fino ai membri delle agenzie governative, mettendo davanti a ogni altra cosa l’interesse generale”.

Obiettivo del Bill è restringere le occasioni di influenza da parte del settore privato nei confronti di quello pubblico, in particolare restringendo decisamente il meccanismo delle revolving doors. L’appello della Clinton è stato immediatamente appoggiato da diversi gruppi progressisti, quali Democracy for America, Progressive Change Campaign Committee, American Family Voices e CREDO Action.

Anche gli altri candidati democratici hanno appoggiato il Bill. Il senatore del Vermont Bernie Sanders ha da sempre supportato la limitazione dell’attività dei lobbisti a Washington, così come l’ex governatore del Maryland Martin O’Malley. La proposta di regolamentazione proibisce agli ex membri delle istituzioni i cosiddetti “paracadute d’oro”, i bonus che arrivano dal settore privato per l’assunzione di dipendenti pubblici. Inoltre viene prolungato il periodo in cui le revolving doors sono vietate fino a due anni. Una norma simile è prevista per il percorso inverso: i regolatori finanziari per due anni non potranno favorire ex impiegati passati al settore privato.

I gruppi progressisti, in particolare Democracy For America, stanno conducendo una forte campagna di moral suasion nei confronti della Clinton per l’appoggio dichiarato alla proposta. Ma non è solo la candidata democratica a “sparare sui lobbisti” durante la propria campagna elettorale.

Nello scorso mese di luglio, Jeb Bush (candidato repubblicano) in un discorso alla Florida State University ha denunciato le lobby di Washington, secondo lui un potere eccessivamente preponderante nella democrazia americana tale da aver tolto indipendenza alla stessa Presidenza e al Congresso. “Serve un Presidente che cambi la cultura della capitale nazionale”, ha dichiarato.

La scorsa settimana anche Donald Trump, altro candidato del GOP, si è schierato contro i lobbisti e gli interessi di parte rilasciando alcune dichiarazioni alla CBS: “ho rifiutato una donazione di 5 milioni da un lobbista, sono soldi che non prenderei mai. Cambierò il sistema, non voglio essere legato ad alcun interesse, il nostro Paese rischia in questo modo di non avere più una middle class”.

La “caccia al lobbista” è uno sport che lo stesso Presidente Barack Obama ha praticato negli ultimi anni. Nel 2011, Obama dichiarava al NY Times che non avrebbe preso soldi dai grandi gruppi di pressione americani e si è impegnato a porre un freno all'influenza corruttrice dei gruppi di interesse. Salvo poi, però, affidarsi ad alcuni di loro come Sally Susman, manager della casa farmaceutica Pfizer, per attività di fundraising e comunicazione per la campagna elettorale di mid-term. In questi giorni, poi, Obama stesso si trova ad appoggiare ed essere appoggiato da diversi gruppi di pressione che chiedono l’implementazione degli accordi sull’Iran, diventando egli stesso “primo lobbista” (espressione coniata dal prof. Petrillo in occasione dell’attività di promozione della riforma sanitaria del 2010) nei confronti dei membri del Congresso in favore dell’accordo sul nucleare (come accaduto nei confronti del deputato dello stato di New York Jerrold Nadler, che ha poi appoggiato l’accordo).

In realtà il mercato del lobbying negli Stati Uniti è ancora molto vasto e influente. Secondo un rapporto della ONG Open Secrets, pubblicato lo scorso giugno, la spesa in lobbying nei confronti del Congresso è di circa 1,6 miliardi di dollari per il primo semestre 2015: una cifra in linea rispetto agli anni precedenti, per un numero di impiegati nel settore che si aggira attorno ai 10.000 (per rimanere, però, ai lobbisti professionisti e solo al livello federale, tralasciando il livello locale). Come riportato da un articolo di Repubblica, il lobbying rimane un'attività è talmente connaturata al sistema politico-costituzionale degli Stati Uniti da essere scherzosamente definita (con una tipica espressione slang) as American as apple pie.

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS