NEWS
Lobby legittima e trasparente, le regole in Europa
Scritto il 2015-09-23 da Redazione su Europa

Lobby è il termine inglese con cui si identifica un gruppo di persone titolari di un legittimo diritto, rappresentanti quindi un interesse materiale o immateriale, che svolgono azione di pressione presso le istituzioni designate a governare per ottenere benefici per i loro rappresentati. Al di là della corposa bibliografia e filmografia sull’argomento, l’azione svolta da questi rappresentanti è legale e legittima quando si esplicita con i normali mezzi di comunicazione, il che si intende esporre le proprie ragioni in sedi appropriate evidenziando i vantaggi che verrebbero alla comunità dall’adozione di quanto proposto dalla lobby.

Al di là del lessicale che definisce la lobby e la sua azione, appare chiaro che se, ad esempio, l’industria del tabacco evidenzia i vantaggi in termini di aumento del Pil derivante dalla vendita di sigarette, altrettanto cercherà di far passare in secondo piano i danni alla salute ed i relativi costi. Spetta poi alle istituzioni ed ai rappresentanti eletti valutare e decidere nella maniera migliore per i cittadini senza lasciarsi fuorviare. Quando, come purtroppo è capitato, l’azione di lobbying si svolge tramite l’elargizione di omaggi, benefit o altri sistemi simili, si passa ad un’attività di corruttela che cade quindi nel campo di azione della magistratura.

Con il Libro Bianco del 2001 l’Europa è passata da un sistema di government fortemente centralizzato ad una governance quanto più possibilmente condivisa, il cambio di rotta ha prodotto un Libro Verde di Iniziativa sulla Trasparenza che ho condotto, nel 2011, alla creazione di un Registro della Trasparenza dove si iscrivono i rappresentanti degli interessi (si può andare dal tabacco all’ambiente), che aderiscono in questo modo ad un preciso codice di condotta.

Alcuni limiti del Registro sono subito evidenti, la Registrazione non è obbligatoria come invece lo è negli Stati Uniti, ad ogni aumento dei poteri europei corrisponde una proporzionale crescita dei gruppi di interesse che aprono sedi e rappresentanze in tutti i luoghi deputati al processo decisionale. Su di una stima di almeno 15.000 lobbisti, gli iscritti sono solo un terzo. In mancanza dell’obbligatorietà si è cercato di invogliare l lobbisti ad iscriversi garante una serie di incentivi, come l’accesso al Parlamento Europeo. Secondo quanto ebbe a dichiarare l’allora commissario europeo in carica per gli Affari Amministrativi, gli Audit e la Lotta antifrode, l’estone Siim Kallas si era comunque cambiata la cultura, i parlamentari si sono dimostrati più restii a parlare ed incontrare membri dei gruppi di pressione non registrati.

Il sistema del Registro della Trasparenza viene gestito dal Joint Transparency Register Secretariat, un organismo composto da alcuni dei membri dei segretariati generali del Parlamento Europeo e della Commissione Europea. Tale organismo effettua controlli a campione per verificare la correttezza dei dati inseriti nel sistema, per una media di circa ottocento controlli all’anno. Gli iscritti che non aggiornano i dati richiesti o ostacolano i controlli vengono bloccati dal sistema, il responsabile politico è il Primo Vicepresidente della Commissione Europea Frans Timmermans.

Per comprendere la potenza di fuoco delle associazioni di categoria e degli stakeholder interessati in qualche maniera, basti pensare che la sola industria del tabacco conta ben 97 lobbies con oltre 200 addetti a Bruxelles, e che per influenzare il processo decisionale sul settore che si è svolto nel mese di febbraio scorso, ha destinato all’uopo la cifre di tre milioni di euro. Altre azioni per evidenziare interessi specifici si sono avute con l’ingresso dei paesi orientali nella UE, volte a modificare l’azione europea che si basava su presupposti attinenti il mondo occidentale. A volte si assiste perfino allo scontro tra diversi lobbies, rimane storico e perenne quello tra il BEUC (Bureau Europeo delle Organizzazione dei Consumatori) e le aziende TLC sul roaming dei cellulari.

di Maurizio Donini, FuturoEuropa.it

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS