NEWS
Usa: perché vince sempre la lobby delle armi Panorama
Scritto il 2015-08-29 da Redazione su World

Il Congresso non farà nulla per aumentare i controlli sulla diffusione delle armi da fuoco

Obama ci ha riprovato. Ma sa che è una battaglia persa. L'ennesima preghiera non verrà esaudita. La Casa Bianca può insistere quanto vuole ma Capitol Hill non cederà. Non ci sarà alcuna legge per un maggiore controllo sulle armi. Dopo la strage di Newtown nel 2012, dopo quei bambini uccisi, straziati dalle pallottole sparate da Adam Lanza, il paese era rimasto scioccato e il presidente aveva lanciato un primo appello al Congresso.

Sembrava di essere a un passo da un cambiamento storico nella società americana, pari al via libera ai matrimoni omosessuali. L'effetto è durato poco, qualche settimana. Poi tutto è tornato come prima. Tre anni e quasi 800 (ottocento) massacri dopo, nulla è mutato. E nulla muterà. Il parlamento statunitense non muoverà un dito per rendere meno facile possedere un'arma da fuoco.

La lobby delle armi
Non è servito Newtown, non è servita la strage di Charleston. Non servità neppure l'omicidio in diretta dei due giornalisti della WDBJ-TV. Nonostante lo sdegno, le decine di petizioni, l'attivismo delle associazioni per i diritti civili, nonostante le decine e decine di vittime, nulla muterà.

La lobby delle armi è troppo potente. E ha rapporti con decine di senatori e deputati. A Capitol Hill non c'è foglia che la National Rifle Association non voglia. Tutto legale, ovviamente. Tutto trasparente e alla luce del sole. Tutto registrato e denunciato. Ma fatto sta che il Congresso è sostanzialmente nelle mani dell'industria delle armi da fuoco.

Non abbiamo ancora avuto una legge sulle restrizioni sulle armi da fuoco più pericolose, e non l'avremo. Non è mai stata varata una norma che evitare che pistole e fucile vengano acquistate da persone malate di mente, e non sarà approvata. Come non vedrà la luce un provvedimento per un maggiore controllo sulle vendite. Non ci sarà perchè il Senato e la Camera dei Rappresentanti non la voterà. Troppi sarebbero i no. Non ci sarebbe maggioranza.

Non solo perché molti di questi parlamentari siano convinti che - come dice la Costituzione - ogni americano abbia il diritto di difendersi individualmente e quindi possa possedere un'arma. Non si tratta solo di aderire a un retaggio dell'Epoca della Frontiera entrato nel Dna della nazione.

Milioni di dollari per i deputati e i senatori
Qui più banalmente si tratta di soldi e consenso. In certe zone degli Usa se dici di essere contro il possesso di pistole o fucili pensano che sei un pazzo e non ti mandano più a Washington come rappresentante della comunità. Il consenso elettorale te lo devi conquistare. Non solo dicendo quello che i tuoi elettori si vogliono sentire dire, ma anche avendo i soldi per vincere le campagne elettorali.

E qui entra in campo la lobby delle armi. Che ogni anno tira fuori milioni di dollari per foraggiare un buon numero di politici. La solaNational Rifle Association ha speso circa un milione e mezzo all'anno negli ultimi quindici anni per indirizzare il voto dei congressisti. Sulla lista dei beneficiari ci sono nomi importanti.

Due candidati alla nomination repubblicana, il senatore texano Ted Cruz e quello della Florida Marco Rubio, il leader del GOP al SenatoMitch McConnell e lo Speaker della Camera John Boehner. Nomi molto importanti. Ma non ci sono solo i repubblicani. Anche i democratici ricevono sovvenzioni dalla Nra. L'ex leader del Senato Harry Reid era uno dei più accerrimi difensori delle armi.

Tra i 46 senatori che avevano votato contro maggiori controlli per il possesso delle armi, 43 avevano ricevuto soldi dalla lobby delle armi nei dieci anni precedenti.

Il condizionamento delle elezioni locali
Il loro "compito" non è solo quello di bloccare ogni possibile nuova legge restrittiva, ma anche quello di evitare che provvedimenti non direttamente collegate al possesso di fucili o pistole possano mettere in discussione la libertà di vendita e diffusione delle armi. Ai tempi della riforma sanitaria c'è stata una vera e propria battaglia al Congresso per impedire che i medici potessero chiedere ai loro pazienti se fossero o no proprietari di armi da fuoco.

La lobby ha ottenuto diverse vittorie a Capitol Hill. Ha respinto la proposta di bandire la vendita dei fucili d'assalto, ha cassato la diminuzione pe legge delle scorte nei magazzini; infine, ha fatto approvare una norma sulla reciprocità tra gli stati: se possiedi un'arma puoi portarla in un'altro stato se ci sono accordi tra le due amministrazione.

La National Rifle Association "lavora" anche a livello periferico. La lobby condiziona anche le leggi dei singoli stati e investe soldi nelle elezioni per le amministrazioni locali; finanzia le campagne per il Senato e la Camera, appoggiando i candidati amici. Che spesso, molto spesso, vincono le partita e volano a Washington.

Obama non verrà ascoltato anche questa volta.  Nessuna legge restrittiva sarà approvata. I massacri continueranno. Il Congresso non muoverà un dito. La lobby delle armi è più potente dello sdegno di una parte della nazione.

Fonte: Michele Zurleni, Panorama

Tags : - - - - -
Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS