NEWS
La top 10 delle società che fanno lobbying a Washington
Scritto il 2014-10-07 da lobbyingitalia su World

Il "traffico delle influenze" a Washington è antico quanto la città stessa. Gli esperti di finanza e politica amano parlare di quanto le risorse finanziare delle corporate americane controllino la politica, ma fino ad ora poche persone dicono quali sono le compagnie più benefattrici e perché spendono così tanto.

Strategie di lungo periodo

Per molte imprese gira tutto intorno alla pianificazione a lungo termine,  secondo di Tim LaPira, professore di Scienze politiche alla James Madison University dove studia il lobbying e i gruppi di interesse.

Se investi nel lungo periodo, allora avrai dei lobbisti in campo che saranno al corrente dei fatti, costruiranno relazioni con i decisori pubblici e altri rappresentanti. Quando emerge qualcosa che possa avere effetti sul proprio business, a quel punto loro sono in una buona posizione per agire” sostiene LaPira.

C’è un fatto rilevante ed interessante nel lobbying: non necessariamente se più si spende più si incrementano le performance. Può essere che una decisone impieghi tanto ad essere presa a Washington, dunque i frutti delle risorse investite un anno si vedranno dopo tempo.

Un’analisi della CNNMoney dimostra che solo quattro delle dieci maggiori aziende che investono in lobbying hanno rendimenti azionari che superano l’indice S&P500, dall’insediamento del Presidente Obama (2009). La Camera di Commercio è di gran lunga il gruppo di pressione più grande in tutta Washington: i gruppi economici dominano la scena ed è difficile conoscere esattamente chi è dietro di loro.

General Electric (GE) è in cima alla lista delle società che spendono maggiormente: da gennaio 2009 ha investito 134 milioni di dollari in attività di lobbying. Le ragioni di questa enorme spesa possono essere diverse, ma sicuramente la società ha avuto un bel da fare con le tasse. General Electric infatti non ha pagato tasse su suolo americano nel 2010 utilizzando una serie di detrazioni per dimostrare 408 milioni di dollari di perdita, nonostante il suo giro di affari internazione sia di 10,8 miliardi di dollari.

Anche il conglomerato delle telecomunicazioni, Comcast (CMCSA), ha scalato la classifica di investimenti in attività di lobbying: circa 86 milioni di dollari dal 2009. La ragione è più che valida: Comcast sta attendendo l’approvazione per l’acquisizione del rivale, Time Warner Cable. Un affare da 45 miliardi di dollari. Comcast è molto ramificata a Washington, e questa estensione le ha permesso, già nel 2011, di influenzare positivamente il decisore per l’acquisizione da 30 miliardi di NBCUniversal.

Non sorprende che le tre grandi società del settore della difesa, tra cui la Northrop Grumman, (NOC) Boeing (BA) e la Lockheed Martin (LMT), hanno pagato complessivamente 280 milioni di dollari dal 2009. Negli ultimi anni, a causa dei tagli alla difesa da parte di Washington, la lobby della difesa ha anche dovuto aumentare gli sforzi e gli investimenti.

Google: la nuova potenza

Google è un nuovo player molto potente, solo l’anno scorso ha speso 16 milioni di dollari in attività di lobbying, considerando i soli 4 milioni investiti nel 2009. Il gigante tech ha lottato particolarmente contro la Federal Trade Commission riguardo la neutralità online e si è rinforzata con la NSA sulla sorveglianza delle email dei propri clienti.

E’ una storia già vista in Silicon Valley, dove loro hanno la loro vena imprenditoriale, vogliono essere lasciati in pace e voglio innovare. Dopo poco, però, hanno imparato che per fare ciò che fanno devono guardare attentamente dove sono e ciò che succede intorno a loro”, ha asserito LaPira.

La classifica

1. General Electric (GE): $134 milioni

2. AT&T: (T, Tech30) $91.2 milioni

3. Boeing Co (BA): $90.3 milioni

4. Northrop Grumman (NOC): $87.9 milioni

5. Comcast Corp (CMCSA): $86.4 milioni

6. Verizon Communications: (VZ, Tech30) $86.4 milioni

7. FedExCorp (FDX): $85.7 milioni

8. Exxon Mobil (XOM): $85 milioni

9. Lockheed Martin (LMT): $78.8 milioni

10. Pfizer (PFE): $77.8 milioni

...

16.Google (GOOG): $62.2 milioni

Fonte: CNN Money

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS