NEWS
Compagni lobbisti, il problema è politico (The Front Page)
Scritto il 2014-08-27 da lobbyingitalia su Italia
(Massimo Micucci) Renzi in agosto s’è dichiarato solo contro le lobbies romane ed il capitalismo di relazione. La differenza tra le due cose c’è, ma per gli addetti ai lavori. Compagni lobbisti il problema è politico. Chi fa Lobbying sa che il tema è male espresso, ma che il premier ha molte ragioni. Parla per farsi capire non per sottili distinguo. Le lobbies romane. L’esperto di casta Stella ha subito spiegato che si tratta soprattutto di lobbies statali. Quelle delle piccole e grandi clientele statali.
Non hanno bisogno di “difensori esterni” visto che il 70% della economia italiana è Stato: per questo i beneficiari ne disegnano e contrastano i provvedimenti. I lobbisti di stato hanno intercettato con miriadi di sigle sindacali gran parte della spesa pubblica di un trentennio. Dipendenti dei due rami del parlamento, giudici che difendono  altri giudici, dirigenti sindacalisti che difendono altri dirigenti. A loro volta manager pubblici si collegano e segnalano a vicenda occupando posti in Cda e qualche volta diventando ministri. Una rete relazionale di amici degli amici che scrivono e cancellano le regole come loro conviene. Persino ad personam.
Nemici dichiarati della “operazione ruspa” esegeti del nun se pò fa. Per loro viene bene il termine “oligarchia estrattiva” usato anche per i regimi post-comunisti. Il premier li chiama lobbisti , ma chi deve capire ha capito.
Per ridurne l’influenza basta ridurre il peso soverchiante della macchina statale. Più facile a dirsi, come si vede. In una area di confine poi ci sono le lobbies di cui i giornali parlano a “seconda”, a seconda di chi è il giornale. Quelle che Renzi definisce del capitalismo relazionale. I salotti romani e le direzioni dei giornali che, con sempre più difficoltà, “fanno l’agenda”: costruttori, industriali con interessi diversi e protetti, che oscurano od evidenziano i temi all’ordine del giorno dalle paginone di questa Italia analogica. Sono lobbies prevalenti, potenti, abituate a strillare ma sono sotto gli occhi di tutti. I De Benedetti, Confalonieri, Caltagirone, Tronchetti Provera.
Chi vuole il controllo dei rifiuti contro chi vuole lo stadio. Chi vuole le cubature per sé non le vuole per gli altri. A cavallo tra stato e parastato poi stanno i gruppi ex monopolisti. In qualche caso hanno subito asimmetrie in favore del mercato, il che li ha migliorati, in altri hanno continuato a lucrare su monopoli o cartelli di fatto. Le grandi partecipate statali hanno subito uno scossone con il sovvertimento degli incarichi sperati. Il primo segno è il ridimensionamento del lobbismo degli investimenti in comunicazione e del dialogo preferenziale.
La vecchia logica dei campioni nazionali (grandi lobbisti coi soldi degli altri) viene sostituita dalla sfida se non del mercato delle valorizzazioni e privatizzazioni. Attorno a questi “primi cerchi del potere” c’è poi una pletora di interessi diversamente orientati il cui peso controverso e viene furbescamente “raccontato”  dai lobbisti dei media .
Per esempio: in Parlamento sono più forti i farmacisti o le case farmaceutiche? I tabaccai o le multinazionali del tabacco? È più conveniente il gioco legale o il gioco illegale? Chi ha prevalso in termini di finanziamenti: l’eolico o gli idrocarburi? Dove ha guadagnato di più lo stato? Quanto vale ormai l’industria nazionale dell’informatica, quanto il digitale?
Per capire qualcosa del peso reale delle lobbies bisognerebbe poter indicare vantaggi e svantaggi dei diversi interessi. Per capire come scegliere la politica dovrebbe ascoltare le lobbies en plein air, non dietro le quinte. E ricavarne qualche conseguenza per il sistema.
Quando il governo semplifica, apre le porte agli investimenti, riforma l’economia e il lavoro fa il lobbista dell’Italia. I lobbisti degli investitori si rallegrano. Renzi in europa fa utilmente il lobbista dell’Italia e non solo di ciò che è italiano. Quando garantisce condizioni per investire. Se alla riapertura si favorisse un dialogo politico alla luce del sole con gli interessi e tra interessi e decisori, la politica sarebbe più preparata ed autonomia. Insomma siamo alle solite: levate la lettera scarlatta al lobbista e mettete a confronto le ipotesi. Altrimenti il governo ed il premier saranno condizionati non dai lobbisti cattivi, ma dai cattivi lobbisti quelli che non vogliono cambiar nulla.
Articoli Correlati
Professionisti oppressi da montagne di documenti e dalla burocrazia che comporta l'interazione con gli uffici giudiziari? In vostro aiuto arriva GenIUS di Astalegale.net, il software conveniente e semplice pensato per snellire e facilitare le procedure del Processo Civile Telematico (PCT). Società leader in Italia nel settore della pubblicità legale e nell'informatizzazione delle procedure esecutive e concorsuali, Astalegale.net ha messo ha frutto l'attività pluriennale svolta presso diversi Tribunali per sviluppare un gestionale dedicato ad avvocati, commercialisti, agronomi e periti a vario titolo operanti con i Tribunali d'Italia, che consente la redazione di documenti e il loro deposito con valore legale (ovvero con certificato di ricezione dalla cancelleria) e in modo telematico e prevede numerose altre funzioni di grande utilità per i professionisti. Come spiegato nel video di presentazione del software, GenIUS permette infatti di liberarsi di carta e incombenze e di ottimizzare i tempi con un servizio all in one che dà la possibilità di consultare, inviare, archiviare e delegare atti e documenti e di gestire la fatturazione alla PA e il pagamento delle spese di giustizia completamente per via telematica, appoggiandosi a un unico ambiente. In particolare, il gestionale di Astalegale.net risponde all'esigenza prevista dalla nuova normativa secondo la quale tutte le fatture per la PA devono essere in formato elettronico, ricercando automaticamente gli enti ai quali emettere le fatture, inoltrando queste ultime al sistema ministeriale per la validazione, monitorandone la convalida e conservandole a valore legale per 10 anni come richiesto. Per quanto riguarda le spese di giustizia, invece, oltre a permettere di effettuare i pagamenti in modalità telematica, GenIUS consente anche di ricercare le ricevute direttamente nei registri di cancelleria. Inoltre, il sofwtare di Astalegale.net è web based senza installazione, prevede la funzione backup per tutto, non richiede aggiornamenti e può essere utilizzato da qualsiasi dispositivo, anche mobile. Last but non least, GenIUS è semplice da utilizzare grazie a un wizard che spiega tutti i procedimenti, a una guida online sempre aggiornata, a un numero verde dedicato e a un team di specialisti dislocato presso 60 Tribunali che offre un'assistenza diretta puntuale e qualificata. Maggiori informazioni su GenIUS e su tutti i servizi e le attività di Astalegale.net sono disponibili sul sito infogenius.astalegale.net. Sponsored by Astalegale

Imprese - Comunicablog

"Ti lascio. Da oggi merito di più": è questo il nuovo slogan della campagna pubblicitaria Samsung che punta tutto sui nuovi tablet Galaxy Tab S e Galaxy Note Pro e invita i propri utenti a mettere da parte i propri vecchi PC. Per questo motivo ha indetto un'iniziativa che mette a disposizione un buono sconto per l'acquisto di uno di questi prodotti. I consumatori potranno lasciare sul sito dell'iniziativa www.tilascio.com un messaggio di addio per il proprio computer oppure una foto che testimoni in che modo il vecchio dispositivo è stato riutilizzato o riciclato. Per tutti i partecipanti Samsung rilascerà un buono sconto da 150 euro che potrà essere usato, dal 18 fino al 30 settembre, nei punti vendita convenzionati, per l'acquisto di un Galaxy Note Pro o Galaxy Tab S. Quest'ultimo rappresenta una vera e propria innovazione del mondo dei tablet professionali. Con schermo Super AMOLED da 10.5", processore Octa Core da 1.9 Ghz, 3 GB di RAM e memoria interna da 16 GB (espandibile fino a 128 GB tramite MicroSD) è un vero e proprio gioiello, perfetto sia per l'utilizzo quotidiano che per quello professionale. Per visionare tutte le informazioni sull'iniziativa di Samsung e le pagine tecniche dedicate ai nuovi tablet potete collegarvi al sito ufficiale  Potrete lasciare i vostri messaggi e leggere quelli già mandati dagli altri consumatori che hanno deciso di "lasciare" il proprio PC per aprirsi alle nuove tecnologie proposte da Samsung. Di seguito vi mostriamo uno dei simpatici video realizzati da Samsung che mostra come è possibile riciclare il vostro vecchio Pc, ma soprattutto come il nuovo Galaxy Tab S sia adatto anche all'utilizzo da parte dei più piccoli grazie alla comodissima "Kids Mode" che impedirà ai vostri figli di mettere mano sui vostri file e cartelle personali. L'iniziativa di Samsung è anche Social: (se volete partecipare potete) condividete il video utilizzando l'hashtag ufficiale #tilascio che Samsung ha dedicato al progetto! Sponsored by Samsung Italia

Imprese - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS