NEWS
I lobbisti devono essere indipendenti (Il Rottamatore)
Scritto il 2014-05-05 da lobbyingitalia su Italia

(Massimo Micucci) Un lobbista si può scegliere i clienti e rischia di perderli continuamente. Se è serio e vuol essere credibile deve infatti affrontare una concorrenza spietata e una grande incertezza: non è tutelato da norme, non ha un albo (per fortuna), nè una legge. Così tutti possono continuare dire che lavora nell’ombra. In compenso centinaia di parlamentari ed ex parlamentari, di eletti legati a territori, albi ordini professionali, mestieri e corporazioni di giornalisti ed ex giornalisti, difendono i propri ed altrui interessi lobbistici. A questi si sommano in queste ore dirigenti pubblici, prefetti e giù giù sino a figure come i segretari comunali che combattono contro qualunque mutamento che si presume danneggi l’una o l’altra gilda. Persino chi vuole cacciare i lobbisti come il movimento 5 stelle è diretto da un lobbista come Casaleggio. Tutti lobbisti col potere degli altri.

Associati in centinaia di sigle sindacali, ordini, camere, associazioni, ciascuna entità difende un territorio sterminato e complicatissimo di interessi, spesso in lotta tra loro come nelle battaglie dei film fantasy. Sono per lo più interessi legittimi, alcuni portatori di ragioni importanti, molti sono obsoleti e ingiustificati, altri sono giustificati ma solo in una ottica egoistica. Potremmo definirli interessi selfie, perché davanti al tentativo di affermare riforme come quelle della politica, del lavoro e della pubblica amministrazione che allineino il paese alla complessità contemporanea, i signori di questi territori si fotografano alla testa di truppe, piccole bande o tifoserie (anche gli ultrà fanno negoziati politici nda) e gridano rivolti all’interesse comune: “not my fucking problem”.

I lobbisti seri lavorano per interessi più o meno forti, ma spesso non conosciuti o difficili. Il loro mestiere è quello di consulenti politici, giuridici e di comunicazione che debbono dire verità scomode sia ai clienti che ai decision makers. Ai clienti si deve spiegare che, anche se le micro-lobbies interne allo stato spadroneggiano, loro debbono farsi ugualmente in quattro per dialogare e “inserire” in qualche modo il loro interesse parziale in un quadro generale, che non c’è spazio per rendite di posizione, né santi in paradiso e così via. Un concessionario di giochi è anche una specie di agente del fisco, ma viene ormai considerato il portatore di una attività criminale. Deve spiegare come stanno le cose e non solo a chi lo autorizza. Un imprenditore o investitore qualsiasi, che produce ricchezza e rispetta le regole scritte può passare comunque per uno sfruttatore, inquinatore e approfittatore se viene in Italia, ma anche se delocalizza. Se prospera, ma anche se è in crisi. È obbligatorio dunque entrare subito in un circuito di comprensione difficilissimo, dialogare con una politica sempre più subalterna e distante, fare i conti con una comunicazione spesso dipendente da schemi e presunzioni difficili da schiodare.

Insomma un lobbista è un consulente sia degli interessi privati che della politica, che capisce i limiti di entrambi e li aiuta a dialogare tra loro e con i cittadini, senza i quali non ci sono scelte politiche o imprenditoriali che tengano. In una realtà sociale e politica come quella italiana, che in 15 anni è cambiata tantissimo, un esperto di Public Affairs deve essere stakeholder e policy maker insieme, parziale, ma costruttivo e cosciente (forse il più cosciente) dei limiti di ciascun interesse. Perciò deve mantenere una libertà, una indipendenza professionale e di giudizio che sono la sua unica forza in un mondo in continuo movimento. Deve dire più no che si, descrivere possibilità e soluzioni più che imporne e saper convincere il suo cliente conoscendone idee e i prodotti, ma anche i limiti e le parzialità. Ci saranno regole? Ne ha parlato anche la Boldrini. Con il rispetto dovuto: ogni politico che ne parla muore una piccola speranza. Il rischio è simile a quello denunciato dalle ONG più radicali in Europa, (come riportato da Giovanni Gatto su LobbyingItalia.com) “Talking the talk not but not walking the walk” . Anche no, grazie.

Fonte: Il Rottamatore

Articoli Correlati
Professionisti oppressi da montagne di documenti e dalla burocrazia che comporta l'interazione con gli uffici giudiziari? In vostro aiuto arriva GenIUS di Astalegale.net, il software conveniente e semplice pensato per snellire e facilitare le procedure del Processo Civile Telematico (PCT). Società leader in Italia nel settore della pubblicità legale e nell'informatizzazione delle procedure esecutive e concorsuali, Astalegale.net ha messo ha frutto l'attività pluriennale svolta presso diversi Tribunali per sviluppare un gestionale dedicato ad avvocati, commercialisti, agronomi e periti a vario titolo operanti con i Tribunali d'Italia, che consente la redazione di documenti e il loro deposito con valore legale (ovvero con certificato di ricezione dalla cancelleria) e in modo telematico e prevede numerose altre funzioni di grande utilità per i professionisti. Come spiegato nel video di presentazione del software, GenIUS permette infatti di liberarsi di carta e incombenze e di ottimizzare i tempi con un servizio all in one che dà la possibilità di consultare, inviare, archiviare e delegare atti e documenti e di gestire la fatturazione alla PA e il pagamento delle spese di giustizia completamente per via telematica, appoggiandosi a un unico ambiente. In particolare, il gestionale di Astalegale.net risponde all'esigenza prevista dalla nuova normativa secondo la quale tutte le fatture per la PA devono essere in formato elettronico, ricercando automaticamente gli enti ai quali emettere le fatture, inoltrando queste ultime al sistema ministeriale per la validazione, monitorandone la convalida e conservandole a valore legale per 10 anni come richiesto. Per quanto riguarda le spese di giustizia, invece, oltre a permettere di effettuare i pagamenti in modalità telematica, GenIUS consente anche di ricercare le ricevute direttamente nei registri di cancelleria. Inoltre, il sofwtare di Astalegale.net è web based senza installazione, prevede la funzione backup per tutto, non richiede aggiornamenti e può essere utilizzato da qualsiasi dispositivo, anche mobile. Last but non least, GenIUS è semplice da utilizzare grazie a un wizard che spiega tutti i procedimenti, a una guida online sempre aggiornata, a un numero verde dedicato e a un team di specialisti dislocato presso 60 Tribunali che offre un'assistenza diretta puntuale e qualificata. Maggiori informazioni su GenIUS e su tutti i servizi e le attività di Astalegale.net sono disponibili sul sito infogenius.astalegale.net. Sponsored by Astalegale

Imprese - Comunicablog

"Ti lascio. Da oggi merito di più": è questo il nuovo slogan della campagna pubblicitaria Samsung che punta tutto sui nuovi tablet Galaxy Tab S e Galaxy Note Pro e invita i propri utenti a mettere da parte i propri vecchi PC. Per questo motivo ha indetto un'iniziativa che mette a disposizione un buono sconto per l'acquisto di uno di questi prodotti. I consumatori potranno lasciare sul sito dell'iniziativa www.tilascio.com un messaggio di addio per il proprio computer oppure una foto che testimoni in che modo il vecchio dispositivo è stato riutilizzato o riciclato. Per tutti i partecipanti Samsung rilascerà un buono sconto da 150 euro che potrà essere usato, dal 18 fino al 30 settembre, nei punti vendita convenzionati, per l'acquisto di un Galaxy Note Pro o Galaxy Tab S. Quest'ultimo rappresenta una vera e propria innovazione del mondo dei tablet professionali. Con schermo Super AMOLED da 10.5", processore Octa Core da 1.9 Ghz, 3 GB di RAM e memoria interna da 16 GB (espandibile fino a 128 GB tramite MicroSD) è un vero e proprio gioiello, perfetto sia per l'utilizzo quotidiano che per quello professionale. Per visionare tutte le informazioni sull'iniziativa di Samsung e le pagine tecniche dedicate ai nuovi tablet potete collegarvi al sito ufficiale  Potrete lasciare i vostri messaggi e leggere quelli già mandati dagli altri consumatori che hanno deciso di "lasciare" il proprio PC per aprirsi alle nuove tecnologie proposte da Samsung. Di seguito vi mostriamo uno dei simpatici video realizzati da Samsung che mostra come è possibile riciclare il vostro vecchio Pc, ma soprattutto come il nuovo Galaxy Tab S sia adatto anche all'utilizzo da parte dei più piccoli grazie alla comodissima "Kids Mode" che impedirà ai vostri figli di mettere mano sui vostri file e cartelle personali. L'iniziativa di Samsung è anche Social: (se volete partecipare potete) condividete il video utilizzando l'hashtag ufficiale #tilascio che Samsung ha dedicato al progetto! Sponsored by Samsung Italia

Imprese - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS