NEWS
Lobby: il Registro UE diventa obbligatorio
Scritto il 2014-03-26 da lobbyingitalia su Europa

La Commissione Affari Costituzionali del Parlamento europeo ha approvato la relazione Gualtieri sull'accordo relativo al registro di trasparenza delle lobbies.

Tale accordo disciplina le relazioni tra i portatori di interesse ed i rappresentanti delle istituzioni Ue. In assenza di una base giuridica per un registro obbligatorio, l'iscrizione dei lobbisti al registro di Trasparenza è ancora su base volontaria, ma l'intesa raggiunta ne rafforza le disposizioni, mettendo in piedi un sistema di incentivi alla registrazione, che comprende anche delle limitazioni all'interazione con le istituzioni per chi non si registra.

Il rapporto approvato, che prende il nome dal suo relatore, l'eurodeputato del PD Roberto Gualtieri,  propone, in sintesi, un sistema di incentivi per le lobby che intendono iscriversi al registro, prescrivendo come contropartita regole di trasparenza più stringenti e modalità di comportamento più rigorose.

Per capirne di più, Fasi.biz ha raccolto la testimonianza di alcuni esperti e studiosi del settore.

Mazzei (Il Chiostro): a spaventare non è il numero dei lobbisti, ma la mancanza di trasparenza

Questo il commento ai microfoni di Fasi.biz di Giuseppe Mazzei, giornalista, comunicatore e segretario dell’Associazione Il Chiostro, associazione che promuove la cultura, la pratica e la regolamentazione della trasparenza nella rappresentanza degli interessi.

"Un elenco dei lobbisti ha senso solo se vi è l’obbligatorietà di iscrizione: le regole devono essere uguali per tutti, altrimenti il registro resta qualcosa di puramente simbolico. L’attività lobbistica è molto delicata e mette chi la fa nella condizioni di privilegio rispetto ad altri cittadini, avendo la possibilità di entrare a contatto e di interloquire con le istituzioni. Bisogna eliminare le zone d’ombra e per questo dobbiamo rendere obbligatoria l’iscrizione al registro europeo.

La proposta di Gualtieri, con cui si comincia a disincentivare la mancata iscrizione. è sicuramente positiva, ma si può e si deve fare di più. Il registro attuale, così com’è non funziona. Personalmente non capisco la resistenza che molti oppongono alla possibilità di renderlo obbligatorio. I rischi a livello di istituzioni europee, poi, sono ancora maggiori rispetto al livello nazionale. Le regole, infatti, cambiano a seconda del paese considerato e quindi è giusto che nelle istituzioni Ue vigano regole più stringenti. Chi sta nelle stanze dei bottoni a Bruxelles ha un potere superiore rispetto alle istituzioni degli altri stati membri. Chi non iscrive all’elenco non deve fare questa professione e se la svolge in modo abusivo deve essere sanzionato".

Così Mazzei sugli obblighi da stabilire per il lobbista: “Prima di tutto si dovrebbe rendere noto il nome del committente, ma anche la tipologia dei temi trattati e l’ammontare del fatturato conseguito con la propria attività. Meno importante, invece, la descrizione dettagliata degli incontri quotidiani, forse eccessiva”. L’ex giornalista Rai affronta poi un altro punto importante: “Anche le associazioni di cittadini devono organizzarsi in modo strutturato, affinché le istituzioni possano interfacciarsi con un numero limitato e gestibile di interlocutori durante le consultazioni”. Conclude Mazzei: “A chi sostiene che ci sono troppi lobbisti, rispondo dicendo che maggiore è il numero di lobbisti che operano in modo trasparente, maggiore è la competizione e minore il pericolo che si creino dei cartelli. Quello che deve spaventare, piuttosto, è la mancanza di trasparenza”.

Pier Luigi Petrillo (Luiss):  le proposte avanzate non risolvono i nodi cruciali del registro

Questo il commento a FASI.biz di Pier Luigi Petrillo, professore associato di Teoria e tecniche del lobbying presso Unitelma Sapienza Università di Roma e presso l'Università Luiss Guido Carli: "Il rapporto Gualtieri va senz'altro nella direzione di implementare la trasparenza nelle istituzioni dell'Unione europea ma, nel complesso, manca di coraggio e appare essere più ambiguo e confuso rispetto agli esiti del gruppo di lavoro ad hoc istituito per revisionare il Registro (e che ha concluso il lavoro a dicembre 2013)".

Prosegue Petrillo: "In particolare, ciò che colpisce è che non cambia la natura del registro, rimanendo ad iscrizione facoltativa, anzichè obbligatoria. Mutano alcune definizioni di lobbista, prevedendo che possano iscriversi anche coloro che fanno attività di advocacy (non solo lobbying, quindi) e viene rafforzato l'apparato sanzionatorio in caso di violazione del codice di condotta. Si prevede, inoltre, che le organizzazioni iscritte che non esercitino attività di lobbying o di advocacy, siano cancellate in automatico dal registro: in sostanza il registro viene "sfoltito" delle numerose organizzazioni dormienti, che si sono iscritte solo per comunicare all'esterno di essere iscritte nel registro, senza, tuttavia, esercitare alcuna attività rilevante ai fini del registro stesso.

L'inutilità sostanziale di questo registro è resa evidente dalla norma che riguarda l'iscrizione o meno da parte delle Regioni e degli enti locali: si dispone, infatti, che le Regioni non debbano iscriversi nel registro "ma se lo vogliono, possono farlo". Viceversa le città e le province sono invitate ad iscriversi.

Nelle premesse alle modifiche proposte dal Rapporto Gualtieri all'attuale normativa in materia, la Commissione Affari costituzionali del Parlamento Ue propone di introdurre "privilegi" per i soggetti iscritti, nonchè propone di vietare l'accesso al Parlamento e alla Commissione ai soggetti non iscritti: tuttavia di queste proposte non c'è alcuna traccia, poi, negli emendamenti all'interistitutional agreement che disciplina il registro".

Conclude Petrillo: "In sostanza, le proposte avanzate, seppure chiariscono alcuni dei punti problematici sollevati negli ultimi anni dalle organizzazioni di categoria e dalla dottrina, non risolvono i nodi cruciali del registro e non sembrano andare nella direzione sperata: ovvero uscire dall'ambiguità e prevedere che chi fa lobby (o advocacy) a Bruxelles debba, sempre e comunque, dichiararlo pubblicamente, essere pubblicamente tracciabile e rendere conto ai propri clienti e ai cittadini europei".

Fonte: Fasi.biz

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS