NEWS
La Colombia rafforza la normativa sul lobbying
Scritto il 2014-03-07 da Franco Spicciariello su World

Mentre in Italia il tema della regolamentazione dell'attività di lobbying è ormai scomparso dall'agenda politica, gli altri paesi vanno avanti: il Regno Unito ha appena approvato una legge (per quanto criticabile), a breve la Spagna dovrebbe avere la sua, l'Irlanda ci sta lavorando. Ma, il Sudamerica si conferma come un'area importante in relazione al tema. Sono vari infatti i paesi latino-americani ad aver regolato il lobbying: Perù, Argentina, Messico e più recentemente il Cile.

C'è poi anche la Colombia, che era intervenuta nel 2011 regolando il lobbying (chiamato "cabildeo") presso Càmara de Rapresentates con una Risoluzione parlamentare  che - in un'ottica di trasparenza del processo normativo - istituisce il Registro dei lobbisti inidirizzato sia alle persone fisiche che a quelle giuridiche.

L'iscrizione al Registro prevede il rilascio di un tesserino per l'accesso (comunque non garantito) alla Càmara e la facoltà di entrare in contatto con i parlamentari per la leggitima attività di rappresentanza di interessi. L'articolo 12 della Risoluzione dà le definizione di lobbying (cabildeo) e di lobbista (cabildero).

Per lobbying si intende "lo sforzo - protetto costituzionalmente - realizzato per individui o gruppi di individui organizzati autonomamente, per  far conoscere le loro posizioni in difesa di interessi particolari all'interno del processo legilsativo e in relazione a qualunque proposta della Càmara de Representantes". Il lobbista invece è "la persona fisica o giuridica che porta avanti con continuità l'attività di lobbying in rappresentanza di interessi propri o altrui, e che è iscritta all'interno del Registro ai sensi del presente regolamento".

La norma prevede anche la sanzione della cancellazione dal Registro e dell'interdizione alla professione per 5 anni, oltre eventuli aspetti penali, in caso di dichiarazione infedele delle informazioni richieste dal Registro, che al momento vede iscritti 152 lobbisti, quasi tutti rappresentanti di associazioni settoriali.

E' di ieri però la notizia che la Càmara, a seguito dell'approvazione dello Statuto anticorruzione, ha deciso di regolamentare l'attività di lobbying anche in occasione delle sessioni in PlenariaAncora una volta la Càamara è intervenuta con una semplice risoluzione, stavolta per evitare l'eccessiva pressione dei lobbisti nel palazzo in occasione dell'approvazione di leggi. "Noi facciamo le cose con decenza e trasparenza. D'ora in poi l'ingresso dei lobbisti in Aula è vietato", ha detto il deputato Simon Gaviria, attuale presidente della Camera dei Rappresentanti. 

Con i limiti all'accesso il lobbying regolare non significa che scomparirà il legittimo diritto dei cittadini di essere parte delle discussioni presentate al Congresso per esprimere i loro interessi e discutere delle misure che interessano. "In occasione della plenaria saranno rilasciati permessi eccezionali e speciali, e chiunque voglia fare attività di lobbying dovrà registrarsi e dichiarare ciò che è, quale entità o causa rappresenta" ha ribadito il rappresentante del Partito Liberale. 

Come però avviene spesso in Italia, il testo della Risoluzione non è ancora pubblico, e quindi i lobbisti sono in attesa di conoscere la portata del provvedimento. Arboleda Javier Hoyos, uno dei lobbisti più conosciuti, ha detto di non conoscere nel dettaglio il contenuto. "Ci sono stati due tentativi per via legislativa, uno col progetto di Simon Gaviria e l'altro col progetto di statuto anti-corruzione. Non credo che una risoluzione però sia un problema", ha detto Hoyos Arboleda. Il lobbista ha anche detto che in questo caso "il problema è che il diavolo è nei dettagli e si deve guardare alla risoluzione definitiva, ma se l'accesso è limitato alla plenaria è normale, mi sembra una scelta logica e ragionevole".

Simon Gaviria ha sottolineato che la decisione non mira a limitare lobbying. "Sarebbe molto difficile, perché la società civile fa costantemente lobbying. Ciò che vogliamo è che sia fatto in modo trasparente", ha detto il deputato.

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS