NEWS
Politico: I servizi a pagamento per lobbisti portano ricavi e utili
Scritto il 2014-02-05 da lobbyingitalia su World

Politico, dal web alla carta. A sette anni dal debutto online la testata americana viaggia a gonfie vele su due fronti

C'è un giornale in America, Politico, che si muove controcorrente. Nato esclusivamente online all'inizio del 2007, col passare del tempo si è evoluto fino a sfornare un'edizione quotidiana cartacea diffusa gratuitamente in 40 mila copie.

La testata, che ha sede a Washington, come dice il nome si occupa in gran parte della vita politica nei centri di potere d'oltreoceano.

A cominciare dalla Casa Bianca. La campagna elettorale, che ha visto nel 2012 la conferma di Barack Obama alla presidenza, è stata uno degli appuntamenti nodali per i 300 giornalisti di Politico (al momento del debutto erano soltanto in 12). Prima ancora lo era stata la corsa alla presidenza del 2008, che aveva visto lo storico insediamento del primo afroamericano a guidare gli Stati Uniti.

L'autorevolezza del giornale è fuori discussione. Basti pensare che l'uomo della comunicazione di Obama, Dan Pfeiffer, va a dormire ogni sera verso le 23 dopo uno scambio di e-mail con Mike Allen, considerato il guru della politica-gossip in forza a Politico, e si risveglia poco dopo le 4 di mattina con la lettura dei testi dello stesso giornalista. Non solo. Politico è seguito da molti americani che vivono all'estero e che rappresentano il 10% dei seguaci del sito Internet.

Secondo alcuni osservatori la forza di questo giornale è di non avere cominciato con un'iniziativa costretta a evolversi, ma come un medium digitale che esce anche in forma cartacea.

Il web è nel suo Dna. Eppure, dopo la prima elezione di Obama, in molti lo davano per spacciato: troppo di nicchia, si pensava. Eppure è sopravvissuto alla grande. Ben LaBolt, che si è occupato della campagna di rielezione di Obama, sostiene che ciò è avvenuto grazie a due elementi: da un lato il grande successo delle pubblicazioni di settore e, dall'altro, lo sviluppo delle testate d'opinione. Lungi dall'imparzialità, Politico ha adottato uno stile diretto che non teme di comunicare un punto di vista particolare.

Negli scorsi giorni i giornalisti, insieme ai fondatori John F. Harris e Jim VandeHei, ex giornalisti al Washington Post, hanno festeggiato i sette anni di vita. Si respira entusiasmo. Il valore aggiunto sta nella specializzazione. Per esempio, otto giornalisti si occupano a tempo pieno dell'Obamacare, la riforma sanitaria, per trasmettere notizie che contano. La logica è quella di offrire un servizio in settori come l'energia, la difesa, la fiscalità, il commercio. E si tratta di contenuti a pagamento, che hanno permesso alla testata di conseguire un utile. Così, almeno, si dice tra gli addetti ai lavori, visto che l'editore Robert Albritton non pubblica i conti. In ogni caso, le visite mensili al sito sarebbero state intorno a 4 milioni nel 2011. Oltre mille organizzazioni si sono abbonate al servizio Pro, che costa fra 3 mila e 100 mila dollari (2.200-74.000 euro) a seconda del numero di adesioni. Un lobbista o un avvocato attivo nel comparto energetico, in procinto di partecipare a una riunione, ha bisogno di conoscere più cose possibili in quel ramo: il servizio di Politico gli permette di farlo.

Quanto al giornale stampato, assicura circa metà dei ricavi grazie alla pubblicità. Ogni copia è densa di annunci: non di prodotti commerciali ma di messaggi provenienti da lobby, gruppi, compagnie petrolifere e altri che cercano di influenzare il Congresso. Recentemente Politico si è insediato a New York, adottando il nome Capital.

Fonte: ItaliaOggi

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS