NEWS
Regno Unito, la Lobbying Bill passa nonostante le proteste
Scritto il 2014-01-29 da Franco Spicciariello su Europa

Lobbying Bill to become law after Lords rebellion falters

La Camera dei Lords ha accettato il piano del Governo Cameron di riformare l'attività di lobbying all'interno di una norma che tocca anche la regolamentazione delle spese per le campagne delle ONG e dei sindacati. I Lords avevano sconfitto tre volte il Governo la scorsa settimana (chiedendo tra l'altro un allargamento del registro a tutti i lobbisti e ai contatti coi funzionari di ogni grado), ma la House of Commons ha deciso di ignorare le scelte dei Lords, rinviando lo stesso testo ai pari, che hanno deciso di accettare senza votare ulteriormente, nonostante la Commissione che ci ha lavorato avesse definito la norma "un esempio di come non legiferare". A questo punto la proposta verrà comunque promulgata in legge quanto prima.

La legge sul lobbying

Società, associazioni di rappresentanza e altre organizzazioni che fanno lobby direttamente su Governo e Parlamento non saranno toccate dalla nuova legge britannica sul lobbying. La norma, proposta dall'Hon. Andrew Lansley, Leader della House of Commons, obbliga infatti solamente i lobbisti consulenti a dover rendere "trasparenti" le proprie attività.

La norma approvata fa divieto agli individui di fornire servizi di consulenza di lobbying se non iscritti al Registro o se non sono dipendenti di società di consulenza a loro volta non iscritte. Registro peraltro contenente informazioni alquanto limitate. Prevede infatti l'obbligo di fornire solo nome e indirizzo del lobbista (o della società di consulenza) e i nomi dei clienti. Ogni ulteriore dato dovrà essere definito in un regolamento futuro da emanarsi da parte del Governo.

La legge eleva al grado di reato l'attività di lobbying per i consulenti non registrati, o che lo abbiano fatto in ritardo, o che non abbiano fornito informazioni accurate o veritiere. Previste sanzioni fino a £5,000 in caso di patteggiamento, mentre non sono previsti limiti per le condanne davanti ad una Crown Court. In alternativa, il Registrar of Lobbyists può imporre una multa fino a £7,500.

Nessuna trasparenza

Significativamente, la legge definisce come lobbying solo le comunicazioni, orali o scritte, fatte personalmente ai Ministri e ai segretari permanenti in relazione a legislazione primaria e secondaria, contratti pubblici, licenze e autorizzazioni, o per l'esercizio di altre funzioni governative.

La legislazione, che vede la registrazione solo in caso di lobbying condotto sul Governo, risulta assai più limitata rispetto alle norme esistenti in altri paesi. Infatti, il lobbying condotto sui parlamentari, a meno che questi non siano Ministri o consiglieri di questi, non prevede alcuna formalità, come non la prevede l'attività compiuta sui livelli di Governo più bassi. Una lacuna che lascerà nell'oscurità gran parte dei rapporti tra lobbisti-consulenti e fuzionari pubblici.

Esclusi i lobbisti In-House

L a maggior parte dell'attività di lobbying è condotta in gran parte non dai consulenti, ma direttamente da lobbisti al servizio di aziende o organizzazioni di rappresentanza, definiti in-house lobbyists, la cui attività non è coperta dalla legge.

La norma infatti, non riguarda le comunicazioni dei lobbisti di questo tipo né di coloro che lavorino per aziende che primariamente portano avanti "non-lobbying business”, la cui definizione è talmente ampia che ogni società consulenza resterà fuori dal registro a meno di non essere specializzata solo in relazioni col Governo. Per esempio, una società di consulenza che fornisca anche servizi quali media relations e marketing communications sarebbe travolta dalla norma in questione solo se questa affermasse di fornire principalmente attività di lobbying.

Della fetta di 2 miliardi di sterline che Open Knowledge stima vengano spese annualmente per fare lobbying nel Regno Unito, solo una piccola parte è spes dai soggetti toccati, come ben chiarisce questo grafico:

influenceindustry

Sconosciuto il contenuto del Registro.

Come già spiegato, la legge rinvia al regolamento molte delle questioni relative alle informazioni che i lobbisti dovranno inserire nel Registro. In alcuni altri paesi, la legge obbliga i lobbisti a rivelare i dettagli delle tematiche su cui lavorano, l'ammontare dei compensi ricevuti dai clienti o da altri soggetti, e se il lobbista abbia in passato occupato un ruolo governativo. Non è ancora noto se il Governo includerà alcune di quetae richieste nel regolamento attuativo.

Un registro quindi simile a quello della Trasparenza presso le istituzioni UE, ma persino più leggero e ancor meno efficace. Per avere un quadro, basta osservare i modelli di registro a confronto.

registerproposals

Niente norme etiche

Nazioni quali Canada e Australia hanno emanato anche dei codici etici che obbligano i lobbisti a condotte oneste nel rapportarsi col Governo. Condice previsto anche in Irlanda nell'attuale bozza della Regulation of Lobbying Bill 2013, in discussione presso l'Oireachtas Committee for Finance, Public Expenditure and Reform. In contrasto, la norma britannica non fa alcun riferimento alle norme etiche da rispettare.

Implicazioni

Consulenti e società devono ancor pienamente comprendere l'impatto della norma sulle loro attività. Lo stesso dovranno fare i clienti, che pur non avendo obblighi, se non si affideranno a lobbisti registrati vivranno quanto meno un rischio professionale.

La questione scozzese

Nonostante alcuni riferimenti nel testo, per quanto riguarda la Scozia, lo Standards, Procedures and Public Appointments Committee del Parlamento locale ha avviato lo scorso giugno una consultazione finalizzata all'approvazione di una regolamentazione sul lobbying ad hoc per le highlands.

Reazioni

Quattro anni fa, poco prima delle elezioni politiche 2010, il leader conservatore David Cameron annunciò la sua intenzione, se eletto, di attaccare “l'insana influenza" del "lobbying nascosto delle aziende”. Promise di portare il lobbying sotto "la luce della trasparenza" e di forzare il sistema politico ad "uscire pulito dalla compravendita di potere e influenza".

Il tema principale del suo discorso fu "ricostruire la fiducia nella politica", con cui attaccò l'allora Primo Ministro Gordon Brown e il suo sistema di controllo governativo e la sua gestione degli scandali politici del 2009..

Da allora la trasparenza è diventata centrale nelle dichiarazioni del governo Cameron, che più volte ha ripetuto di voler "aggiustare una politica rotta" e fare del Regno Unito "il Governo più aperto e trasparente del mondo”.

Dalle reazioni a seguito dell'approvazione della legge non si direbbe esserci riuscito però- Le reazioni sono state in gran parte negative, viste anche le altre norme inserite nel testo, che limitano molto le attività delle charities.

In un articolo pubblicato domenica sul sito del Guardian, Kiai, un avvocato kenyano ingaggiato dallo  human rights council dell'ONU, ha dichiarato: "Per quanto 'venduto' come un modulo per livellare il campo d'azione, la legge non fa altro che restringere gli spazi di partecipazione delle persone, in particolare per coloro coinvolti nella società civile, con rischi per l'intero sistema democratico".

Aggiunge Kiai: "Norme originariamente mirate ai corporate lobbyists presentano ora buchi talmente grandi dal finire con l'escludere gli in-house lobbyists , i soggetti con maggior capacità di influenza nel Regno Unito, lasciando l'impatto della legge a consulenti e NGO".

Un intervento che certo non ha fatto piacere al Primo Ministro Cameron, come la legge non lo fa alle associazioni, che per protestare hanno persino lanciato una petizione online.

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS