NEWS
Lobbying, perché il settore deve rinnovarsi da solo
Scritto il 2014-01-08 da lobbyingitalia su Italia

Il 2013 è un anno perso per la lobbying nel nostro Paese. Chi potrebbe dire il contrario? L’aspetto più eclatante, citato da alcuni studiosi del fenomeno della lobbyingcome Gianluca Sgueo proprio qui su Formiche.net, è che per l’ennesima volta ilGoverno non sia riuscito a varare la tanto sospirata legge che doveva regolamentare i comportamenti dei lobbisti traghettandoli da una sorta di limbo professionale a una situazione in cui sia riconosciuto ruolo e loro importanza per il funzionamento dei processi democratici.

SOLO PROCLAMI
Dopo tante dichiarazioni di intenti, questa estate sembrava arrivato il momento e invece picche. Il vero problema, però, è che comincia a mancare anche la speranza.Sul futuro nuvole nere: i nostri tre potenziali leader politici, Berlusconi, Renzi, Grillonon sembrano, infatti, particolarmente interessati al lobbying. Il primo non se ne è mai occupato durante i suoi anni al governo, il secondo non ha ancora espresso una posizione chiara, il terzo sembra incapace di scindere tra l’utilizzo demagogico, semplicistico e dalla forte connotazione negativa della parola lobby con la professione del lobbista.

LE CRITICHE AL LOBBISMO
Proprio su questo sta il secondo aspetto negativo del 2013 per la lobbying. Si usa il termine “lobby” per descrivere qualsiasi azione che serve a proteggere una casta o un interesse privato. E fin qui nulla di male. Ma poi si confonde l’incapacità della politica di fare sintesi tra questi interessi privati attraverso, appunto, una visione politica dell’interesse pubblico con l’influenza delle lobby. In sintesi: è colpa delle lobby se le leggi sono scritte male.
I decreti legge di fine anno sono allora fallimentari proprio a causa del lavoro delle lobby. Noi lobbisti “ufficiali”, forse ingenuamente, diremmo che non sono così male proprio grazie al lavoro di certe lobby e sono invece fallimentari per l’azione di “finti” lobbisti – negli Stati Uniti si chiamerebbero “shadow lobbyist” – e parlo dei politici che fanno i lobbisti, dei funzionari pubblici che fanno i lobbisti, e così via.

CONTRO GLI ABUSI
All’inizio del 2013 un noto giornalista ci disse: inutile che combattete contro l’uso-abuso del termine lobby, dovreste trovare un termine diverso per descrivere la tua attività. Rispondemmo che eravamo troppo orgogliosi per farlo. E anzi abbiamo fatto “outing” scrivendo sui nostri biglietti da visita “lobbying” come scriverebbe “consulting” un consulente della McKinsey. Adesso forse è tempo di essere meno orgogliosi e pensare davvero a dare un nuovo nome alla nostra professione. Apriremo un concorso nel 2014.

QUANTO VALE IL MERCATO
Il terzo aspetto è legato al mercato dei servizi professionali di lobbying. Capire quanto vale il mercato della lobbying in Italia è praticamente impossibile. Possiamo fare alcune ipotesi. I bilanci, stranamente pochi, pubblicati dalle società di lobbying parlano di un mercato piccolo, in proporzione meno sviluppato di quelli anglosassoni o di quello di Bruxelles. È un dato preoccupante soprattutto perché rimane di fattostabile da molti anni. Nel frattempo alcune società sono cresciute ma solo a danno di altre. Insomma, invece di crescere tutti, si lotta più aspramente per la stessa “torta”. Siccome non si può pensare che la lobbying nel nostro Paese valga così poco il dato è negativo perché significa che il mercato trasparente non riesce a rubare quote di fatturato agli “shadow lobbyist” che sfruttano vantaggi di posizioneinvece che il lavoro professionale. E questo è un danno per la qualità dei processi legislativi, prima ancora che un danno ai nostri fatturati.

L’EVOLUZIONE DEL RAPPORTO TRA CLIENTI E LOBBISTI
L’unico aspetto positivo del 2013, almeno dal punto di vista parziale del nostro osservatorio, è stata l’evoluzione del rapporto tra clienti e lobbisti. Sempre di più anche le grandi corporation capiscono come il mondo delle relazioni, con il bagaglio di “favori” da cui era composto, stia scomparendo. Sono cambiati i politici, con l’arrivo dei renziani il cambiamento sarà ancora più visibile, e sono cambiate le generazioni di imprenditori e di manager. La generazione dei “quarantenni” è meno legata al tema delle relazioni cari ai loro padri e predecessori, crede di più ai contenuti ed è maggiormente consapevole che la sfida della sostenibilità, dell’innovazione, non solo tecnologica ma anche sociale e culturale, sia indifferibile.

RIPARTIRE NEL 2014
Ripartiamo dunque da qui nel 2014. Dalla voglia di continuare a rendere il lavoro del lobbista più professionale e più trasparente. Possiamo continuare in questo percorso anche senza una legge che ce lo imponga. Alcuni di noi hanno implementato un codice etico e modelli organizzativi ex D.Lgs. 231/2001. Alcuni di noi depositano annualmente e puntualmente i propri bilanci. Altri dovranno per forza arrivare a dotarsi di questi strumenti minimi e siamo certi lo faranno durante questo nuovo anno. Alcuni di noi stanno, seppur a fatica, implementando sistemi di “alfabetizzazione” presso i loro clienti per una lobbying meno relazionale e più di contenuto (che poi significa anche più trasparente perché i position paper sono pubblici, verificabili, criticabili mentre le relazioni sono solo semplicemente opache). Alcuni di noi stanno innovando insieme alla prossima rivoluzione degli open data (dove le informazioni da istituzioni e parlamenti saranno pubbliche e accessibili per tutti) spostando l’attenzione dall’accesso all’informazione riservata alla comprensione di tale informazione e degli interessi in gioco.
Ripartiamo dunque dal 2014 con un vecchio e abusato slogan: non chiederti cosa il tuo Paese può fare per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo Paese. In sintesi, possiamo fare una lobby migliore anche senza l’aiuto dello Stato e con questo aiutare, senza ipocrisie, la democrazia del nostro Paese.

Alberto Cattaneo

Founding Partner Cattaneo Zanetto & Co. 

Fonte: Formiche.net

Articoli Correlati
Professionisti oppressi da montagne di documenti e dalla burocrazia che comporta l'interazione con gli uffici giudiziari? In vostro aiuto arriva GenIUS di Astalegale.net, il software conveniente e semplice pensato per snellire e facilitare le procedure del Processo Civile Telematico (PCT). Società leader in Italia nel settore della pubblicità legale e nell'informatizzazione delle procedure esecutive e concorsuali, Astalegale.net ha messo ha frutto l'attività pluriennale svolta presso diversi Tribunali per sviluppare un gestionale dedicato ad avvocati, commercialisti, agronomi e periti a vario titolo operanti con i Tribunali d'Italia, che consente la redazione di documenti e il loro deposito con valore legale (ovvero con certificato di ricezione dalla cancelleria) e in modo telematico e prevede numerose altre funzioni di grande utilità per i professionisti. Come spiegato nel video di presentazione del software, GenIUS permette infatti di liberarsi di carta e incombenze e di ottimizzare i tempi con un servizio all in one che dà la possibilità di consultare, inviare, archiviare e delegare atti e documenti e di gestire la fatturazione alla PA e il pagamento delle spese di giustizia completamente per via telematica, appoggiandosi a un unico ambiente. In particolare, il gestionale di Astalegale.net risponde all'esigenza prevista dalla nuova normativa secondo la quale tutte le fatture per la PA devono essere in formato elettronico, ricercando automaticamente gli enti ai quali emettere le fatture, inoltrando queste ultime al sistema ministeriale per la validazione, monitorandone la convalida e conservandole a valore legale per 10 anni come richiesto. Per quanto riguarda le spese di giustizia, invece, oltre a permettere di effettuare i pagamenti in modalità telematica, GenIUS consente anche di ricercare le ricevute direttamente nei registri di cancelleria. Inoltre, il sofwtare di Astalegale.net è web based senza installazione, prevede la funzione backup per tutto, non richiede aggiornamenti e può essere utilizzato da qualsiasi dispositivo, anche mobile. Last but non least, GenIUS è semplice da utilizzare grazie a un wizard che spiega tutti i procedimenti, a una guida online sempre aggiornata, a un numero verde dedicato e a un team di specialisti dislocato presso 60 Tribunali che offre un'assistenza diretta puntuale e qualificata. Maggiori informazioni su GenIUS e su tutti i servizi e le attività di Astalegale.net sono disponibili sul sito infogenius.astalegale.net. Sponsored by Astalegale

Imprese - Comunicablog

"Ti lascio. Da oggi merito di più": è questo il nuovo slogan della campagna pubblicitaria Samsung che punta tutto sui nuovi tablet Galaxy Tab S e Galaxy Note Pro e invita i propri utenti a mettere da parte i propri vecchi PC. Per questo motivo ha indetto un'iniziativa che mette a disposizione un buono sconto per l'acquisto di uno di questi prodotti. I consumatori potranno lasciare sul sito dell'iniziativa www.tilascio.com un messaggio di addio per il proprio computer oppure una foto che testimoni in che modo il vecchio dispositivo è stato riutilizzato o riciclato. Per tutti i partecipanti Samsung rilascerà un buono sconto da 150 euro che potrà essere usato, dal 18 fino al 30 settembre, nei punti vendita convenzionati, per l'acquisto di un Galaxy Note Pro o Galaxy Tab S. Quest'ultimo rappresenta una vera e propria innovazione del mondo dei tablet professionali. Con schermo Super AMOLED da 10.5", processore Octa Core da 1.9 Ghz, 3 GB di RAM e memoria interna da 16 GB (espandibile fino a 128 GB tramite MicroSD) è un vero e proprio gioiello, perfetto sia per l'utilizzo quotidiano che per quello professionale. Per visionare tutte le informazioni sull'iniziativa di Samsung e le pagine tecniche dedicate ai nuovi tablet potete collegarvi al sito ufficiale  Potrete lasciare i vostri messaggi e leggere quelli già mandati dagli altri consumatori che hanno deciso di "lasciare" il proprio PC per aprirsi alle nuove tecnologie proposte da Samsung. Di seguito vi mostriamo uno dei simpatici video realizzati da Samsung che mostra come è possibile riciclare il vostro vecchio Pc, ma soprattutto come il nuovo Galaxy Tab S sia adatto anche all'utilizzo da parte dei più piccoli grazie alla comodissima "Kids Mode" che impedirà ai vostri figli di mettere mano sui vostri file e cartelle personali. L'iniziativa di Samsung è anche Social: (se volete partecipare potete) condividete il video utilizzando l'hashtag ufficiale #tilascio che Samsung ha dedicato al progetto! Sponsored by Samsung Italia

Imprese - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS