NEWS
Conto alla rovescia per la regolamentazione delle lobby in Spagna
Scritto il 2014-01-27 da lobbyingitalia su Europa

(Giovanni Gatto) Inizia a delinearsi anche in Spagna il futuro della regolamentazione dell'attività di lobbying. Il Governo presieduto da Mariano Rajoy ha infatti avviato i lavori per l'istituzione di un registro nel quale dovranno essere iscritti "organizzazioni sociali rappresentative di interessi (organizzazioni, sindacati, ONG, società di consulenza e di relazioni istituzionali e studi legali, tra gli altri) il cui scopo è di influenzare, direttamente o indirettamente, l'attività legislativa del Parlamento e il generale nel processo decisionale politico dal Congreso de los Diputados, del Senado, o uno dei suoi organi".

La regolamentazione delle proposte nasce da un rapporto del Centro de Estudios Políticos y Constitucionales (un organismo dipendente del Ministero della Presidenza) diretto da Benigno Pendas. Sul tema il Governo ha formato un gruppo di lavoro che sta elaborando un articolato che includa alcune riforme giuridiche in materia di rigenerazione democratica e di trasparenza, coordinato dal Segretario di Stato per le relazioni parlamentari, José Luis Ayllon, e composta dal direttore del Centro de Estudios Políticos y Constitucionales e da alti rappresentanti dei Ministeri della Presidenza, Giustizia, Finanza e Pubblica Amministrazione e Interno.

L'incarico del gruppo di lavoro è quello riformare o sviluppare sette leggi che hanno un impatto importante sulla politica in un'ottica di trasparenza, tra cui le dichiarazioni pubbliche di beni, attività e reddito dei titolari di cariche politiche. L'intenzione del Governo è poi di stabilire controlli sulle incompatibilità, un tema al momento alquanto opaco in Spagna.

Tra queste riforme rientra anche la regolamentazione dell'attività dei lobbisti e di altri soggetti come i giornalisti parlamentari. Si parla anche di una riforma dei regolamenti per l'accesso alle sedi parlamentari. Fonti ufficiali hanno spiegato ai media spagnoli che queste iniziative hanno a che fare con la pressione dell'opinione pubblica e della società civile a favore di una rigenerazione democratica.

Sulla attività di lobbying il direttore del Centro de Estudios Políticos y Constitucionales ha affermato che "solo le organizzazioni registrate potranno partecipare ai processi di consultazione pubblica ed alle audizioni". In pratica, la registrazione sarà obbligatoria per poter avere accesso agli organi politici ed eseguire queste funzioni. Le attività a cui ci si riferisce sono "contatti, riunioni o comunicazioni dirette con i membri della Camera o del servizio consiglieri dei gruppi parlamentari, la preparazione, distribuzione o comunicazione pubblica di studi, documenti e relazioni dibattito politico orientato o contribuiscono a impostazione posizioni politiche su iniziative legislative, i cambiamenti nella stessa o, in generale, qualsiasi decisione politica da adottare da parte delle Camere o loro organi interni, la partecipazione ai processi di consultazione pubblica sulle iniziative legislative o dalla comparsa di loro rappresentanti alle commissioni di Camera e l'organizzazione regolare di eventi, incontri, attività promozionali, attività accademiche ed eventi sociali che coinvolgono i membri della Camera o consiglieri dei gruppi".

Tentativi di regolamentazione delle lobby spagnole risalgono al 1990, con la proposta di legge del Partito Popolare (approvata dal Congresso) per la “regolamentazione delle imprese che gestiscono interessi convergenti con gli interessi pubblici”. Due anni dopo, il Congresso ascoltò anche la proposta del CDS (Centro Democrático y Social, partito centrista oggi dissolto) sulla creazione di un Registro Pubblico dei Gruppi di interesse. Un altro partito, Iniciativa por Cataluña Verdes, presentò due identiche proposte nel 2008 e nel 2012. Tutte le proposte non portarono a una legge organica, contribuendo ad aumentare la reticenza dell’opinione pubblica spagnola nei confronti del fenomeno lobbistico. Un fenomeno totalmente accettato nei Paesi anglosassoni, dove è normale consultare gli interessati prima di emanare una legge che li riguardi, mentre in Spagna e nei Paesi latini in generale “la lobby si associa a pratiche illecite come il traffico di influenze. Il lobbying, piuttosto – afferma il giornalista Juan Francés, collaboratore di Bloomberg TV e Punto Radio – serve perché sarebbe pericoloso che il governo prendesse decisioni senza ascoltare le argomentazioni di chi ne viene coinvolto”. Secondo Francés, esistono diversi modi di fare lobbying: lo fa anche Oxfam, una ONG, o anche re Juan Carlos, che si autodefinisce “un broker di livello".

Nel febbraio 2013 il Governo aveva presentato le “Proposte per migliorare la trasparenza e combattere la corruzione”, tra le quali un codice di condotta per regolare le attività di lobbying nella Camera bassa. A distanza di un anno, il prossimo 12 febbraio 2014 una commissione, formata da rappresentanti di vari partiti politici, visionerà il progetto del Centro de Estudios Políticos y Constitucionales. Già da adesso, però, fonti ufficiali confermano che il riferimento più probabile per la nuova regolamentazione spagnola sia il Registro per la trasparenza del Parlamento europeo, che prevede la facoltà di registrazione per i lobbisti accreditati alla Camera. Accanto al Registro, sarà presente un Codice di condotta per mitigare la non-obbligatorietà della registrazione (una delle pecche dell’attuale Registro europeo) e applicare maggiori regole in merito alla trasparenza della lobbying e alla partecipazione di tutti i settori della società.

Il 12 febbraio, però, sul tavolo sarà presente non solo la proposta del Centro de Estudios Políticos y Constitucionales, ma anche quella dell’Asociacion De Profesionales De Las Relaciones Institucionales (APRI), unica associazione spagnola che riunisce i lobbisti professionisti, che propone una registrazione obbligatoria per qualsiasi portatore di interesse e l’obbligo del possesso di un “pass” di accesso al Ministero (da revocare in caso di violazione del Codice di condotta).

Con due serie proposte sul tavolo, il Governo di Rajoy non ha più alibi per rendere trasparente quello che dall’opinione pubblica è considerato un “settore oscuro”, ma che potrebbe essere fondamentale per la ripresa economica delle imprese iberiche. Rimane, però, irrisolto il problema delle “revolving doors”, denunciato anche da alcune ONG, che ritengono le due proposte di legge “troppo soft”.

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS