NEWS
Lobby, è tempo di lettere (Formiche.net)
Scritto il 2013-12-12 da Gianluca Sgueo su Europa

Siamo a Natale. Si scrive di più. Biglietti di auguri, messaggi e lettere. Quelle più gettonate vanno a Babbo Natale. Quest’anno però ce n’è una, aperta, a tutti i ministri del governo inglese. A scriverla è OpenKnowledge che chiede solo un regalo: fare bene, e fare in fretta, con il lobbying bill.

Ecco qui il testo della lettera (Disponibile anche qui)

12 December 2013

Dear Mr Maude and Mr Lansley,

Response to Mr Maude’s letter of 1 November 2013 to the UK OGP civil society network re the Government’s commitment to lobbying transparency

As campaigners for greater openness in decision making, we applauded the Coalition commitment in May 2010 to ‘regulate lobbying through introducing a statutory register of lobbyists and ensuring greater transparency’. However, we are extremely concerned that the current plans, in Part 1 of the Transparency of Lobbying, Non-Party Campaigning and Trades Union Administration Bill, will fail to deliver the transparency promised. The proposed register is not fit-for-purpose. In the short time the Government has allowed for debate on the bill, it has been heavily criticised by the Political and Constitutional Reform Select Committee and Members of Parliament, as well as representatives of the consultancy industry and a wide range of civil society groups.

In sostanza. Grazie di averci provato. Ma non basta. Anzi, c’è molto da fare. Cosa? Lo dice la seconda parte della lettera:

We urge you to redraft Part 1 of the Bill to:

  • broaden the definition of lobbyist to include all third party consultants and in-house lobbyists, whether corporate, union or charity;
  • extend the definition to include lobbying of mid-ranking civil servants and special advisors; and
  • introduce fuller disclosure requirements to include the target, topic and estimated cost of lobbying activity.

Dunque, tanto per cominciare, lobbisti non sono solamente i freelance ma anche quelli che lavorano in azienda, sindacato o in enti no profit. Escluderli, dice chiaramente la lettera, significherebbe tagliare fuori l’80% dei professionisti della rappresentanza di interessi. Leggete qui: Central to our concerns is the narrow definition of lobbyist. As drafted, the Bill excludes at least eighty per cent of the industry, notably in-house lobbyists. It will also exclude most key consultant lobbyists through a significant loophole: those who in the course of their lobbying do not make contact with Ministers and Permanent Secretaries will not be required to register. This, as lobbyists and the lobbied well know, is the majority of lobbying activity. The justification for such a narrow definition does not stand up to scrutiny. The Government has defined the problem as a lack of transparency about who an agency is representing when it meets with a Minister. Official meeting lists reveal that this would apply to only a handful of meetings. As many in Parliament have pointed out, if this is a genuine problem, it would be better solved with improved disclosure from Ministers.

I “lobbati” invece non sono solamente i direttori generali, ma anche i funzionari e i consulenti. Infine, per avere piena trasparenza ci vogliono informazioni sugli obiettivi della strategia di lobbying e sui costi che il lobbista stima di spendere per raggiungerli.  Anche su questo punto la letter è chiara: “Of equal concern to us is the lack of any meaningful information on lobbying activity to be included in the proposed register. It would require lobbyists merely to register their clients, but reveal nothing of their interaction with government (i.e. whom they are lobbying, and what they are seeking to influence). This information is essential if the government is to realise its laudable aim through the register of ‘increasing public accountability and public trust in the UK system of government and improving the efficiency of government policy outcomes’. Fuller disclosure would also bring the UK in line with international standards.

Di qui il passaggio immediatamente successivo. A che serve un registro dei lobbisti? Presto detto:

The fundamental purpose of introducing a register of lobbyists is to allow the public to examine and understand the activities of lobbyists, to improve government accountability and ultimately to rebuild public trust. It is imperative to have in mind the widely held public perception of how decisions are taken by government, a view summed up by David Cameron as ‘a cosy club at the top making decisions in its own interest’. This lack of trust must be of serious concern to Government. Proper disclosure rules for lobbyists would go a long way to dispel this perception. The reality of lobbying in the UK, which would be revealed in a robust register of lobbyists, would be far more mundane than is popularly imagined. A refusal to introduce genuine transparency, however, would only reinforce the perception that public scrutiny is something politicians would rather avoid.

Conclusione politica. Ma ci può stare:

The shortcomings of the current Bill are all the more surprising considering the leadership you have shown through the Open Government Partnership and your vocal support for greater transparency. The current proposals threaten to undermine not only your ambition to be ‘the most open and transparent government in the world’, but also detract from the OGP initiative. Civil society groups long ago identified a robust register as a key priority for the Partnership, yet we encountered a surprising reluctance from some Cabinet Office officials to engage with us during the development of the proposals. The result is a register that is wholly inadequate.

The Coalition rightly identified ‘secret’ lobbying as an issue of public concern, one which ‘goes to the heart of why people are so fed up with politics’. ‘We can’t go on like this,’ said David Cameron. We urge you to now fulfil your commitment with a proper register which will allow public scrutiny of lobbying activity in the UK.

Yours sincerely,

Alexandra Runswick, Director, Unlock Democracy
Dr Andy Williamson FRSA, Founder, FutureDigital & Chair, Ivo.org
Anne Thurston, Director, International Records Management Trust
Anthony Zacharzewski, democracy campaigner
Gavin Hayman, Director of Campaigns, Global Witness
Graham Gordon, Head of Public Policy, CAFOD
Javier Ruiz, Campaigns Director, Open Rights Group
Jonathan Gray, Director of Policy, The Open Knowledge Foundation
Maurice Frankel, Director, Campaign for Freedom of Information
Miles Litvinoff, Coordinator, Publish What You Pay UK
Simon Burall, Director, Involve
Tamasin Cave, Director, Spinwatch
Thomas Hughes, Executive Director, ARTICLE 19

Post Scriptum: oltre al lobbying bill vorremmo anche la XBoX e il piumino di marca. Grazie. 

Fonte: Formiche.net

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS