NEWS
Il Ministro De Girolamo, Coldiretti e la cattura del regolatore
Scritto il 2013-12-17 da lobbyingitalia su Italia

La fotografia di Nunzia De Girolamo, Ministro per le Politiche Agricole che, lo scorso 4 dicembre, partecipa ad una manifestazione a tutela del Made in Italy  lungo il confine del Brennero,  indossando la tuta gialla di Coldiretti, a visuale, fosforescente testimonianza della propria adesione alle istanze del principale movimento degli imprenditori agricoli italiani è stata a lungo commentata sulla stampa nazionale, sottolineandone spesso l’inopportunità istituzionale.

Le critiche più consistenti all’esponente del Governo Letta, tuttavia, sono tuttavia arrivate da Confindustria. La più grande organizzazione della rappresentanza imprenditoriale italiana ha dichiarato che la partecipazione del Ministro alla manifestazione era da considerare «sconcertante» in quanto dimostrava di «non tenere in debita considerazione tutte le disposizioni Ue che regolano l'originalità dei prodotti agroalimentari». E se la risposta del Ministro è parsa piccata – De Girolamo ha dichiarato: «Parteciperò ad altre decine, centinaia, migliaia di manifestazioni, senza paura di intimidazioni, ogni qualvolta sarò in gioco la difesa dell'Italia e delle sue produzioni, indipendentemente dalla bandiera di chi organizza quella protesta, perché penso che la difesa degli interessi nazionali vada perseguita con una sola bandiera: quella italiana.» - vale la pena tornare sulla questione, perché poche volte nella vita di un politologo capita di assistere ad una manifestazione più concreta di una nozione teorica. In questo caso si tratta del concetto di cattura del regolatore da parte del regolato.

George Stigler, economista con Premio Nobel per la sua analisi delle politiche pubbliche, ha definito la cattura del regolatore come quel processo per cui, le agenzie pubbliche, istituzionalmente chiamate a stabilire regole generali e indirizzate al perseguimento dell’interesse della collettività per un certo settore produttivo (industria, servizi, agricoltura), agiscono invece in modo tale da favorire il comparto specifico su cui sono chiamati a creare norme. Di fatto, con la sua presenza ad una manifestazione per il perseguimento degli interessi di alcuni soggetti agricoli per cui doveva porre regole in vista dell’interesse collettivo, Nunzia De Girolamo non si qualifica solo per essere un soggetto davvero interessante per chi studi le complesse strade di transizione della comunicazione politica, con il riferimento nazional-populista alla «difesa dell’interesse nazionale sotto una sola bandiera: quella dell’Italia». Il Ministro registra un nuovo record di esemplificazione pratica del concetto di cattura del regolatore. Non è un caso che un altro storico soggetto della rappresentanza collettiva degli interessi organizzati, Confindustria, sia intervenuta segnalando la questione della partecipazione, considerata irrituale anche da un soggetto associativo tradizionalmente avvezzo alla pratica nel contesto politico del neo-corporativismo degli anni 80.

Perché in realtà Coldiretti è una lobby e fa lobbying in maniera puntuale, strutturata e stabile nei confronti del Ministero delle Politiche Agricole. E se da un lato non c’è nulla di male o di sorprendente in questo - è ovvio che una delle principali associazioni di categoria si prodighi per garantire la più adeguata tutela e promozione degli interessi dei propri associati presso chi è chiamato a decidere – quello che lascia perplessi è l’atteggiamento generale tenuto dal Ministro nei confronti della lobby dei produttori agricoli. Nonostante la manifestazione al Brennero sia stata la prima occasione pubblica in cui il Ministro ha indossato fisicamente la casacca degli agricoltori italiani, non sono mancate in passato occasioni in cui De Girolamo ha sposato in pieno l’opinione espressa da Coldiretti.

La 'forza amica del Paese' come si definisce l’associazione di categoria, guidata dallo scorso 15 novembre da Roberto Moncalvo, che con i suoi 33 anni si attesta come il più giovane leader tra i rappresentanti delle imprese e dei lavoratori, ha infatti influenzato l’opinione del Ministro su una pluralità di tematiche sin dall’inizio dell’azione del Governo: in primo luogo opponendosi con forza all’esperimento del registro della trasparenza, stabilito presso il MIPAAF con un decreto ministeriale durante la precedente esperienza del Governo Monti. Le parole di Sergio Marini, allora Presidente di Coldiretti, sul registro come esperimento per la regolamentazione delle lobby erano state senza appello: «Lobby è quella forma di pressione che rappresenta esclusivamente l’interesse particolare e che pertanto non dovrebbe trovare spazio, a prescindere, nell’interlocuzione con le istituzioni. Le lobby ‘all’italiana’ hanno già fatto sufficientemente del male al paese per poterle legittimare in qualsivoglia forma».

Pertanto Coldiretti, Confederazione italiana agricoltori, Confagricoltura, ovvero le organizzazioni di rappresentanza degli interessi agricoli più numerose, rappresentative, dotate di expertise e di collocazione strategica nei processi produttivi avevano tutte boicottato l’esperimento del registro. Non solo non si sono iscritte, condannando l’esperienza alla più completa irrilevanza nei fatti, anche sulla scorta di alcune iscrizioni davvero peculiari (come l’Associazione Nazionale Allevatori del Cavallo Agricolo Italiano da Tiro Pesante Rapido o il Consorzio di Tutela della Melannurca Campana o l’Unione Importatori Esportatori Industriali Commissionari Grossisti Ingrassatori Macellatori Spedizionieri Carni Bestiame e Prodotti Derivati, senza nulla voler togliere alla attività di tali organizzazioni), ma devono aver determinato un certo orientamento sfavorevole del Ministro De Girolamo nei confronti della regolamentazione in genere del lobbying. Tale posizione è sfociata nelle pubbliche dichiarazioni contrarie alle forme di regolamentazione proposte nel corso del Consiglio dei Ministri del 5 luglio scorso. De Girolamo, riferendosi ad uno dei due testi presentati in CdM e successivamente rinviati ad un più attento esame comparativo - ne avevamo già parlato su queste colonne - aveva affermato che si trattava di una proposta illiberale e degna dell’URSS. Una visione altrettanto netta e deterministica di quanto già rappresentato in materia di lobby da parte del Presidente di Coldiretti. Una comunità di intenti, declinata in maniera più moralistica dalla organizzazione degli agricoltori e più ideologica dal Ministro, davvero degna di nota.

Ma i temi su cui è possibile registrare una sostanziale identità di vedute tra il Ministro e Coldiretti non si limitano alla tutela attiva, anche contro l’U.E., del Made in Italy agroalimentare contro la contraffazione proveniente dai confini amici dell’Europa, o alla sostanziale valutazione negativa verso l’esperimento, peraltro davvero poco incisivo, di regolamentazione delle lobby dentro al MIPAAF. Un altro tema  davvero rilevante di politica agricola, come la possibilità di inserire coltivazioni biotech nel territorio italiano, ha registrato la totale identità di vedute tra la principale associazione di rappresentanza degli imprenditori agricoli e il Ministro. Da sempre Coldiretti ha assunto una posizione di assoluta intransigenza nei confronti di ogni tipo di innovazione biotecnologica delle colture in Italia, collegando, in maniera concettualmente non del tutto appropriata, la difesa del Made in Italy con la genuinità dei prodotti alimentari tradizionali, da sempre assoggettati all’uso massiccio della chimica.

Per scongiurare l’avvento della colza e del mais geneticamente modificati, Coldiretti ha realizzato un capolavoro di lobbying, commissionando nell’ottobre 2012 un sondaggio sulla percezione della pericolosità da parte degli italiani degli OGM e utilizzando il dato emergente, la diffidenza di 7 italiani su 10 verso il cibo biotech, per convincere gli esponenti di tutti i gruppi parlamentari del Senato  a confermare mediante  un ordine del giorno che il contrasto agli ogm sia una posizione unanime dell’intero Parlamento, alla fine di maggio 2013. Il Ministro De Girolamo, anche in questa circostanza ha condiviso in pieno la posizione di Coldiretti, spingendosi fino a dichiarare in un’intervista, lo scorso 24 giugno, che: «Faremo un decreto a tre firme, con i Ministri Lorenzin e Orlando. .. L'Europa lo potrebbe impugnare, è vero, e ci esponiamo a una violazione delle regole comunitarie». Puntuale come poche cose nel nostro Paese, il decreto interministeriale per bloccare la coltivazione del mais OGM in Italia è arrivato il 12 luglio scorso. Si tratta di un decreto motivato da questioni di urgenza e limitato al caso specifico della coltivazione del mais, che è stato lodato pubblicamente da parte di Coldiretti e che ha invece fatto registrare alcune perplessità da parte di altre organizzazioni della rappresentanza associata degli interessi, come Confagricoltura.

E a nulla sembra essere valso che la Corte di Giustizia della U.E. abbia con la sentenza C-36/11 dello scorso 6 settembre, affermato il principio giuridico che uno Stato non può impedire in via generale la coltivazione di organismi geneticamente modificati, che siano già iscritti nel registro europeo delle sementi. In questo senso la condanna dell’Italia in materia di OGM sembra rappresentare uno dei tasselli del più ampio mosaico dei complessi rapporti tra istituzioni europee e Ministero delle Politiche Agricole italiano; senza dubbio, il sostegno personale e diretto del Ministro De Girolamo a Coldiretti a tutela dell’interesse nazionale del Made in Italy non ha contribuito a modificare il quadro, restituendo anzi l’immagine di un decisore politico che si lascia consigliare in maniera troppo complessiva e persistente da un singolo gruppo di pressione. Una vera e propria, complessiva regulatory capture, insomma.

- Fonte: Maria Cristina Antonucci - L'Indro

Articoli Correlati
Il 20 dicembre al Centro Studi Americani si svolgerà l’incontro con Patrick Costello, direttore del Council on Foreign Relations, Washington External Affairs, dal titolo “Think Tank e policy making, Il modello americano e l’esperienza italiana”. L’evento (qui il link con tutte le info) organizzato da Formiche, Centro Studi Americani e dall’Unità Affari Istituzionali Italia di Enel Group sarà un’occasione di confronto con rappresentanti istituzionali, aziende, associazioni, comunicatori e professionisti del public affairs, sul ruolo dei Think Tank e delle terze parti nello studio e promozione di policy pubbliche. L’esperienza del keynote speaker Patrick Costello, Director of Washington External Affairs del Council on Foreign Relations, tra i più autorevoli Think Tank americani, sarà un utile valore aggiunto per comprendere il ruolo dei “pensatoi” nell’analisi di soluzioni tecniche e politiche da mettere a disposizione per le istituzioni. Ma cosa fa un think tank, e quali sono i think tank italiani? Una recente e completa analisi di Open Polis, “Cogito ergo sum” (qui il link), ha raccolto e raccontato l’azione di più di 100 strutture che creano network e sviluppano argomentazioni su temi specifici. Ognuno di essi è legato ad un particolare polo di potere economico o a una personalità politica. I think tank, di cui Formiche è un attivo rappresentante, rispondono all’esigenza sempre più comune di trovare una “casa” alle idee politiche, sempre più compresse tra forme di rappresentanza meno tradizionale e avvento della veloce comunicazione social. Fondazioni, associazioni, libere riunioni di menti e strumenti sono strutture ormai fondamentali per mettere a punto una corretta e inclusiva strategia di lobbying e advocacy da parte dei diversi attori economici. Ai grandi gruppi industriali di ogni settore non basta più essere membri di associazioni di categoria (Confindustria, Confcommercio) o avere una struttura radicata sul territorio per creare una base di consenso. Sempre più i temi tecnici e politici portati al tavolo della discussione con le istituzioni sono suffragati da autorevoli studi di “pensatoi” che rappresentano un orientamento politico e hanno come peculiarità quello di dare un parere “terzo” ad una opinione, coinvolgendo tutti gli attori interessati al tema trattato. L’esperienza americana, raccontata da Patrick Costello, sarà utile a far comprendere che i think tank sono ormai lo strumento fondamentale del lobbista (ma anche, e sempre più spesso, del politico) che, con le parole del prof. Mattia Diletti, “cerca di fare egemonia sul tema, convincendo sulla base di dati e ricerche. Il think tank crea il clima culturale affinché una proposta di modifica legislativa sia possibile”. La natura del think tank in Italia è però diversa da quella anglosassone, perché diversa è la base culturale dei due contesti, e soprattutto è differente la modalità di presa decisionale. Negli USA, ad esempio, nascono insieme all’idea stessa di lobby (per approfondire, un articolo sul NY Times). Ma in Italia si sta evolvendo anche questo aspetto, con il nuovo concetto di “Action tank” che (lo aveva spiegato bene Gianluca Comin nella rubrica Spin Doctor su Lettera43) coinvolge ancor più direttamente le imprese nell’esigenza di raccogliere idee di policy e di trasformarle in azioni concrete.

Imprese - Lobbyingitalia

Professionisti oppressi da montagne di documenti e dalla burocrazia che comporta l'interazione con gli uffici giudiziari? In vostro aiuto arriva GenIUS di Astalegale.net, il software conveniente e semplice pensato per snellire e facilitare le procedure del Processo Civile Telematico (PCT). Società leader in Italia nel settore della pubblicità legale e nell'informatizzazione delle procedure esecutive e concorsuali, Astalegale.net ha messo ha frutto l'attività pluriennale svolta presso diversi Tribunali per sviluppare un gestionale dedicato ad avvocati, commercialisti, agronomi e periti a vario titolo operanti con i Tribunali d'Italia, che consente la redazione di documenti e il loro deposito con valore legale (ovvero con certificato di ricezione dalla cancelleria) e in modo telematico e prevede numerose altre funzioni di grande utilità per i professionisti. Come spiegato nel video di presentazione del software, GenIUS permette infatti di liberarsi di carta e incombenze e di ottimizzare i tempi con un servizio all in one che dà la possibilità di consultare, inviare, archiviare e delegare atti e documenti e di gestire la fatturazione alla PA e il pagamento delle spese di giustizia completamente per via telematica, appoggiandosi a un unico ambiente. In particolare, il gestionale di Astalegale.net risponde all'esigenza prevista dalla nuova normativa secondo la quale tutte le fatture per la PA devono essere in formato elettronico, ricercando automaticamente gli enti ai quali emettere le fatture, inoltrando queste ultime al sistema ministeriale per la validazione, monitorandone la convalida e conservandole a valore legale per 10 anni come richiesto. Per quanto riguarda le spese di giustizia, invece, oltre a permettere di effettuare i pagamenti in modalità telematica, GenIUS consente anche di ricercare le ricevute direttamente nei registri di cancelleria. Inoltre, il sofwtare di Astalegale.net è web based senza installazione, prevede la funzione backup per tutto, non richiede aggiornamenti e può essere utilizzato da qualsiasi dispositivo, anche mobile. Last but non least, GenIUS è semplice da utilizzare grazie a un wizard che spiega tutti i procedimenti, a una guida online sempre aggiornata, a un numero verde dedicato e a un team di specialisti dislocato presso 60 Tribunali che offre un'assistenza diretta puntuale e qualificata. Maggiori informazioni su GenIUS e su tutti i servizi e le attività di Astalegale.net sono disponibili sul sito infogenius.astalegale.net. Sponsored by Astalegale

Imprese - Comunicablog

"Ti lascio. Da oggi merito di più": è questo il nuovo slogan della campagna pubblicitaria Samsung che punta tutto sui nuovi tablet Galaxy Tab S e Galaxy Note Pro e invita i propri utenti a mettere da parte i propri vecchi PC. Per questo motivo ha indetto un'iniziativa che mette a disposizione un buono sconto per l'acquisto di uno di questi prodotti. I consumatori potranno lasciare sul sito dell'iniziativa www.tilascio.com un messaggio di addio per il proprio computer oppure una foto che testimoni in che modo il vecchio dispositivo è stato riutilizzato o riciclato. Per tutti i partecipanti Samsung rilascerà un buono sconto da 150 euro che potrà essere usato, dal 18 fino al 30 settembre, nei punti vendita convenzionati, per l'acquisto di un Galaxy Note Pro o Galaxy Tab S. Quest'ultimo rappresenta una vera e propria innovazione del mondo dei tablet professionali. Con schermo Super AMOLED da 10.5", processore Octa Core da 1.9 Ghz, 3 GB di RAM e memoria interna da 16 GB (espandibile fino a 128 GB tramite MicroSD) è un vero e proprio gioiello, perfetto sia per l'utilizzo quotidiano che per quello professionale. Per visionare tutte le informazioni sull'iniziativa di Samsung e le pagine tecniche dedicate ai nuovi tablet potete collegarvi al sito ufficiale  Potrete lasciare i vostri messaggi e leggere quelli già mandati dagli altri consumatori che hanno deciso di "lasciare" il proprio PC per aprirsi alle nuove tecnologie proposte da Samsung. Di seguito vi mostriamo uno dei simpatici video realizzati da Samsung che mostra come è possibile riciclare il vostro vecchio Pc, ma soprattutto come il nuovo Galaxy Tab S sia adatto anche all'utilizzo da parte dei più piccoli grazie alla comodissima "Kids Mode" che impedirà ai vostri figli di mettere mano sui vostri file e cartelle personali. L'iniziativa di Samsung è anche Social: (se volete partecipare potete) condividete il video utilizzando l'hashtag ufficiale #tilascio che Samsung ha dedicato al progetto! Sponsored by Samsung Italia

Imprese - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS