NEWS
Vi spiego perché lobby vuol dire trasparenza. Parla Velardi
Scritto il 2013-10-18 da lobbyingitalia su Interviste

Comunicare “la politica” significa rappresentare in modo trasparente, efficace e chiaro, i pro e i contro di alcune scelte. Di fatto comunicare vuol dire fare lobby.
A crederlo è Claudio Velardi, personaggio poliedrico, ex spin doctor di Massimo D’Alema, oggi lobbista e comunicatore.
In una conversazione con Formiche.net, Velardi racconta il suo lavoro di formazione nel mondo del lobbismo che da novembre a gennaio prossimi, a Roma, darà vita alla XXV edizione del corso “Comunicazione, lobby e politica”, organizzato da Running, “prima società italiana di New Politics”, marketing politico e formazione in ambito politico-istituzionale, con la media partnership di Ferpi e Formiche.

Velardi, oggi le lobby sono più o meno invasive rispetto alla Prima Repubblica?
Hanno avuto sicuramente un’evoluzione. La politica oggi è molto più debole di prima e le lobby pulite lavorano con molta più difficoltà.

Come mai?
Perché le attività di lobbying limpide e strutturate hanno bisogno di interlocutori politici solidi. Altrimenti ognuno può inventarsi lobbista.

Serve una legge per renderle trasparenti?
Sono convinto che basterebbe un semplice registro di chi pratica attività lobbistica, in modo che sia chiaro chi parla con quel determinato politico e quali interessi rappresenta. Io non andrei oltre perché nel nostro Paese c’è sempre il rischio che il passo successivo sia quello di stabilire un recinto di norme che prelude a una burocratizzazione.

Era proprio la soluzione a cui diceva di pensare il Governo prima di dimenticare il provvedimento. Colpa dei soliti “poteri forti”?
L’esecutivo sembrava in effetti animato da buone intenzioni ma poi la cosa è morta lì. Non credo ci sia stata malafede, ma piuttosto che ciò sia accaduto per un mix di elementi: su tutti la scarsa propensione italiana a legiferare e il doversi occupare di cose sicuramente più urgenti ed importanti.

Nel corso della sua attività ricorda provvedimenti legislativi o momenti particolari in cui l’attività delle lobby sia stata decisiva?
Potrei portare mille esempi, soprattutto sul fronte dell’energia, dell’informazione e delle infrastrutture. Un obiettivo raggiunto è certamente quello che negli anni passati ci ha visto ottenere grandi successi nel campo della new economy, quando abbiamo contribuito perché i player ottenessero facilitazioni per poter operare. Allora c’è stato un boom. Oggi si lavora più per difendersi da uno Stato con un’indole “tassatrice”. Ma abbiamo tagliato anche altri traguardi.

Quali?
Nel corso degli anni posso dire con orgoglio che i nostri corsi hanno formato una buona parte della tecnostruttura che nelle assemblee elettive, nei partiti, nei gruppi parlamentari o nelle aziende svolge con professionalità e trasparenza un’attività di lobbying, con centinaia di 30-40enni che abbiamo contribuito a far crescere nel loro percorso lavorativo. Oggi questa esperienza è diventata una straordinaria rete, che, nonostante l’assenza di una regolamentazione del settore, ha contribuito a far uscire dall’ombra un lavoro considerato opaco da parte dell’opinione pubblica, ma assolutamente normale in tutti i Paesi del mondo. Anche in questo siamo stati i primi e non mi pare poco.

Fonte: Michele Pierri - Formiche.net

Articoli Correlati
Professionisti oppressi da montagne di documenti e dalla burocrazia che comporta l'interazione con gli uffici giudiziari? In vostro aiuto arriva GenIUS di Astalegale.net, il software conveniente e semplice pensato per snellire e facilitare le procedure del Processo Civile Telematico (PCT). Società leader in Italia nel settore della pubblicità legale e nell'informatizzazione delle procedure esecutive e concorsuali, Astalegale.net ha messo ha frutto l'attività pluriennale svolta presso diversi Tribunali per sviluppare un gestionale dedicato ad avvocati, commercialisti, agronomi e periti a vario titolo operanti con i Tribunali d'Italia, che consente la redazione di documenti e il loro deposito con valore legale (ovvero con certificato di ricezione dalla cancelleria) e in modo telematico e prevede numerose altre funzioni di grande utilità per i professionisti. Come spiegato nel video di presentazione del software, GenIUS permette infatti di liberarsi di carta e incombenze e di ottimizzare i tempi con un servizio all in one che dà la possibilità di consultare, inviare, archiviare e delegare atti e documenti e di gestire la fatturazione alla PA e il pagamento delle spese di giustizia completamente per via telematica, appoggiandosi a un unico ambiente. In particolare, il gestionale di Astalegale.net risponde all'esigenza prevista dalla nuova normativa secondo la quale tutte le fatture per la PA devono essere in formato elettronico, ricercando automaticamente gli enti ai quali emettere le fatture, inoltrando queste ultime al sistema ministeriale per la validazione, monitorandone la convalida e conservandole a valore legale per 10 anni come richiesto. Per quanto riguarda le spese di giustizia, invece, oltre a permettere di effettuare i pagamenti in modalità telematica, GenIUS consente anche di ricercare le ricevute direttamente nei registri di cancelleria. Inoltre, il sofwtare di Astalegale.net è web based senza installazione, prevede la funzione backup per tutto, non richiede aggiornamenti e può essere utilizzato da qualsiasi dispositivo, anche mobile. Last but non least, GenIUS è semplice da utilizzare grazie a un wizard che spiega tutti i procedimenti, a una guida online sempre aggiornata, a un numero verde dedicato e a un team di specialisti dislocato presso 60 Tribunali che offre un'assistenza diretta puntuale e qualificata. Maggiori informazioni su GenIUS e su tutti i servizi e le attività di Astalegale.net sono disponibili sul sito infogenius.astalegale.net. Sponsored by Astalegale

Imprese - Comunicablog

"Ti lascio. Da oggi merito di più": è questo il nuovo slogan della campagna pubblicitaria Samsung che punta tutto sui nuovi tablet Galaxy Tab S e Galaxy Note Pro e invita i propri utenti a mettere da parte i propri vecchi PC. Per questo motivo ha indetto un'iniziativa che mette a disposizione un buono sconto per l'acquisto di uno di questi prodotti. I consumatori potranno lasciare sul sito dell'iniziativa www.tilascio.com un messaggio di addio per il proprio computer oppure una foto che testimoni in che modo il vecchio dispositivo è stato riutilizzato o riciclato. Per tutti i partecipanti Samsung rilascerà un buono sconto da 150 euro che potrà essere usato, dal 18 fino al 30 settembre, nei punti vendita convenzionati, per l'acquisto di un Galaxy Note Pro o Galaxy Tab S. Quest'ultimo rappresenta una vera e propria innovazione del mondo dei tablet professionali. Con schermo Super AMOLED da 10.5", processore Octa Core da 1.9 Ghz, 3 GB di RAM e memoria interna da 16 GB (espandibile fino a 128 GB tramite MicroSD) è un vero e proprio gioiello, perfetto sia per l'utilizzo quotidiano che per quello professionale. Per visionare tutte le informazioni sull'iniziativa di Samsung e le pagine tecniche dedicate ai nuovi tablet potete collegarvi al sito ufficiale  Potrete lasciare i vostri messaggi e leggere quelli già mandati dagli altri consumatori che hanno deciso di "lasciare" il proprio PC per aprirsi alle nuove tecnologie proposte da Samsung. Di seguito vi mostriamo uno dei simpatici video realizzati da Samsung che mostra come è possibile riciclare il vostro vecchio Pc, ma soprattutto come il nuovo Galaxy Tab S sia adatto anche all'utilizzo da parte dei più piccoli grazie alla comodissima "Kids Mode" che impedirà ai vostri figli di mettere mano sui vostri file e cartelle personali. L'iniziativa di Samsung è anche Social: (se volete partecipare potete) condividete il video utilizzando l'hashtag ufficiale #tilascio che Samsung ha dedicato al progetto! Sponsored by Samsung Italia

Imprese - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS