NEWS
Otto lobbisti per ogni deputato. A Berlino la tutela degli interessi è alla luce del sole
Scritto il 2013-10-15 da Franco Spicciariello su Europa

Sarà Milan o Venezia? Una coalizione rossonera, o neroverde? Frau Angela punta sui socialdemocratici, con cui ha già governato, ma li fa ingelosire flirtando con i Grünen. Un'alleanza con gli ecologisti è improbabile, non impossibile, ed ha già funzionato bene a livello locale. Forse non governerà mai da Berlino, ma è già al potere nella vecchia capitale, la piccola Bonn sul Reno, con ottimi risultati. I giovani ecologisti sono più disposti al compromesso. I vecchi leaders hanno attaccato con eccessiva durezza la Merkel durante la campagna elettorale ed ora sono fuori gioco. L'unico in grado di giungere a un'intesa sarebbe tuttavia Winfred Kretschmann, 65 anni, il premier verde del Baden-Württemberg, ma il partito lo tiene da parte.

Mentre si tratta per il nuovo governo, è in corso un'altra battaglia serrata tra le lobbies, che qui agiscono quasi alla luce del sole, senza le nostre ipocrisie. Hanno le loro sedi ufficiali a pochi metri dal Bundestag, e si contendono i deputati, formando gruppi di potere trasversali ai partiti. Gli elettori sanno se il loro rappresentante difende gli interessi delle case automobilistiche o dei produttori di tabacco, o dei birrai. Non tutto equivale a corruzione, anche se è facile scivolare, e difendere gli interessi di categoria può sostenere l'economia di una regione, e creare posi di lavoro. In Italia, spesso, i politici mandano in rovina un'industria, in Germania sono gli industriali che cercano di far funzionare meglio la politica.

Quando seguii Helmut Kohl in visita a Mosca nel 1987, accanto al cancelliere viaggiava Alfred Herrhausen, il capo della Deutsche Bank, che lo avrebbe consigliato nei colloqui con Gorbaciov. Il febbraio scorso, quando Frau Merkel, volò in Turchia per far visita a un battaglione tedesco stazionato sul confine con la Siria, a bordo si trovava Ole von Beust, ex sindaco cristiano democristiano di Amburgo. Avrebbe approfittato dell'occasione per colloqui d'affari ad Ankara, in quanto rappresentante della Ispat, agenzia per gli investimenti. Il suo datore di lavoro è il presidente turco Erdogan. La Turchia vuol favorire investimenti tedeschi e Beust, conosce tutti, e sa aprire le porte giuste a Berlino. Nessuno si scandalizza perché la cancelliera gli ha offerto un passaggio.

La scomparsa dal Parlamento dei liberali, ben legati agli ambienti economici e finanziari, ha sconvolto il lavoro delle lobbies. In Germania esistono 2.142 associazioni ufficialmente registrate al Bundestag e i loro interessi sono sostenuti da almeno 5 mila lobbisti, otto per ogni deputato più o meno. Un lavoro regolato da leggi di comportamento non scritte, ha rivelato un uomo della Deutsche Bank, alla Welt am Sonntag. Se si muove la prima banca tedesca, è scontato che sia il sommo capo Anshu Jain a incontrate la cancelliera, e un alto dirigente parla con un ministro: «Impossibile mandare un direttore qualsiasi a sostenere i nostri interessi».

Spesso sono i politici che abbandonano il campo e passano con l' industria. Kurt Beck, 64 anni, è stato a lungo premier in Renania Palatinato, ed ora è diventato consigliere della Bohringer, industria farmaceutica. Il cristianodemocratico Markus Kerber, 50 anni, è stato fino a pochi mesi fa sottosegretario alle finanze, ora grazie ai suoi molteplici rapporti si è trasformato in consigliere per le imprese. Reinhard Görner, ex sottosegretario all'economia, era al tempo stesso (dal 1996) amministratore dell'associazione datori di lavoro. Per il futuro ha deciso di dedicarsi ai privati. Ma non basta intessere rapporti al vertice, servono anche i deputati: costruire un piccolo gruppo di fedeli, militanti in partiti diversi, serve a far pressione sul governo. Matthias Wissmnann, presidente della Vda, l'associazione delle case automobilistiche, è uno degli uomini più potenti di Berlino. Philip Rösler, capo dei liberali, di professione medico, quando era ministro della sanità allo stesso tempo era vicedirettore della mutua privata Pkv.

L'ex cancelliere Schröder, tornato avvocato, sostiene gli interessi della Gazprom, Roland Koch, a lungo premier cristianodemocratico in Assia, dirige oggi il colosso edilizio Bilfinger. Conflitto d'interessi? Per i tedeschi meglio che rimanga alla luce del sole, dato che è quasi impossibile controllare gli inciuci tra politica e capitale.

Fonte: Roberto Giardina - ItaliaOggi

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS