NEWS
Il senso di Philip Morris per il lobbying a Bruxelles
Scritto il 2013-10-06 da lobbyingitalia su Europa

Alcuni documenti della Philip Morris International (PMI) sono filtrati e giunti sino agli occhi di alcune ONG, che hanno deciso di rendere pubbliche strategie, cifre e impegno a livello di lobbying da parte della multinazionale del  tbacco in riferimento alla TPD 2, la revisione della cd Direttiva Tabacco attualmente in corso a Bruxelles.

La campagna ha avuto come obiettivo i membri del Parlamento UE, influenti membri della Commissione UE e anche i singoli governi del Consiglio Europeo.

La strategia di lobbying

Obiettivo Commissione

Per il primo semestre 2010, la stratgeia generale della campagna di lobbying di Philip Morris International era “Push” (ad esempio attraverso la presentazione di emendamenti), “Delay” (rinviare) la Direttiva, o anche “block” le proposte in arrivo dalla Direzione Generale salute, la DG Sanco, che ha incario la proposta di revisione.

A questo fine, PMI ha impiegato una strategia a due vie, politica e tecnica, assicurandosi di ottenere quanti più pareri negativi da parte di altre DG della Commissione, affiancati dalle posizioni e dall'impegno di altri Commissari UE "business-friendly" contro una legislazione etichettata come "eccessiva".

PMI ha identificato alcuni messaggi chiave nella propria campagna, specialmente in relazione alla Inter-Service Consultation tra le varie direzioni, sollevando la necessità di “break” nel “silo” della Commissione UE. I principali messaggi lobbistici usati PMI erano relativi all'assenza di basi legali, evidenze scientifiche, logica e analisi di mercato.

Come già accaduto nella lotta contro le proposte sui punti vendita, il gigante del tabacco ha anche messo in evidenza il problema del contrabbando, e ciò nonostante il suo noto ruolo proprio in relazione ad un tema così scottante

La compagnia ha poi fatto in modo di avere Commissari o i loro consiglieri senior pronti a esprimersi con opinioni negative, coinvolgendo anche soggetti influenti ad alto livello per ingaggiare gli stessi Commissari.

Il ruolo delle terze parti

Le società del mondo del tabacco - ma non solo - hanno alle spalle una lunga esperienza nell'uso delle "third parties" nelle loro attività di lobbying, usando appunto organizzazioni terze o persone per influenzare il dibattito per conto dell'industria.

La strategia anti-TPD di PMI non ha fatto eccezione. I documenti rivelano come la campagna sui media social e tradizionali sia stata proprio guidata da terze parti.

Tra queste i "tobacco growers" (i coltivatori), i negozianti e le piccole e medie imprese coinvolte nella distribuzione, organizzazioni di rappresentanza, fornitori, organizzazioni per la difesa della proprietà intellettuale e persino associazioni di consumatori.

E come l'industria ha utilizzato i retailers su temi come punti vendita e Plain Packaging nel Regno Unito, gli stessi sono stati centrali nella campagna lobbistica di PMI sulla TPD. E' infatti molto più persuasivo per i giornalisti sentire parlare il modno delle piccole e medie impresa di perdita di posti di lavoro che confrontarsi direttamente con Big Tobacco.

PMI ha evidenziato come i retailers avrebbero dovuto fare lobby su altre parti della Commissione "promuovendo eventi per guadagnare visibilità" per la campagna. E si parla sia di retailers con base a Bruxelles che quelli associati all'interno dei vari paesi membri.

Altri soggetti con ruolo chiave nella campagna sono stati i coltivatori e i trasformatori. PMI ha organizzato dei meeting tra le organizzazioni dei coltivatori, come ad esempio UNITAB, la European Association of  Tobacco Growers, Fetratab, e la European Federation of Tobacco Processors, con alcuni importanti funzionari della Commissione, incluso un incontro col Gabinetto del presidente della Commissione Manuel Barroso.

“Attivare” i parlamentari UE

La strategia di PMI sul Parlamento include proprio l'uso dei negozianti per "attivare i parlamentari".

Ma molta dell'attività di lobbying è stata portata avanti direttamente da PMI o da suoi consulenti. Fino a metà 2012, quasi un terzo dei parlamentari UE (233 per la precisione) avevano avuto contatti con PMI. Da allora alcuni membri del Parlamento hanno incontrato in maniera regolare PMI fino a quattro o cinque volte. Il documento di PMI mostra come quasi la metà del PPE e e dei gruppi di centro-destra abbia incontrato la multinazionale del tabacco. 

“Spaccare ENVI”

Al Parlamento UE la società ha focalizzato i suoi sforzi su due commissioni influenti: ENVI e IMCO. L'ENVI committee - abbreviazione per Environment, Public Health and Food Safety - aveva il compito di sovrintendere la TPD lungo il suo iter parlamentare. PMI ha quindi messo un piedi una strategia per fare in modo di toglere all'ENVI il pieno controllo sul dossier.

Al riguardo è partita un'attività di lobbying nei confronti dei vari capi delle delgazioni nazionali e sui "pesi massimi" di ogni gruppo politico, cercando di trovare un accordo politico attraverso il supporto di contatti politici ai massimi livelli.

Il Consiglio Europeo

PMI ha poi fatto lobbying sul Consiglio per creare una maggioranza di blocco contro qualsiasi misura a protezione della salute pubblica considerata estrema. 

“Neutralizzare” la Germania

Una di queste misure è il divieto di utilizzo previsto dalla TPD di alcunia aromi, incluso il mentolo. Obiettivo di PMI era di escludere il mentolo dalla TPD, e per riuscirci ha cercato di coinvolgere i vari Stati membri din cui il mentolo è maggiormente diffuso per fare in modo che si opponessero al divieto. Per riuscirci voleva però neutralizzare alcuni paesi guida sul dibattito sul mentolo, quali ad es. la Germania.

Preoccupazioni

La campagna multimilionaria messa in piedi da PMI attraverso l'uso di una iriade di soggetti e organizzazioni a supporto delle sue attività per minare la TPD solleva tutta una serie di questioni:

Violazione dell'aricolo 5.3 della FCTC

Il fatto che PMI abbia avuto un così vasto accesso alla Commissione e a centinaia di parlamentari apre la questione del rispetto della Framework Convention on Tobacco Control.

L'articolo 5.3 della Convenzione richiede ai paesi firmatari di proteggere le proprie campagne sanitarie "da interessi commerciali" dell'industria del tabacco. Ma a seguito della pubblicazione di altri documenti PMI da parte dell'Observer, il capo dell'OMS ha accusato PMI - nel corso di una conferenza in India - di cercare di "sabotare" le misure di salute pubblica. 

PMI e la (poca) trasparenza

PMI ha sottoscritto la Transparency Initiative, e registra quanti lobbisti impiega e quanti soldi spende a Bruxelles. Ma i documenti giunti a TobaccoTactics.org rivelano come PMI abbia usato un notevole numero di lobbisti e consulenti. Una tabella parla di ben 161 persone coinvolte sulla TPD. Sempre per il primo semestre 2012, i documenti parlano di € 1.25 milioni spesi per consulenze e spese per combattere la proposta.

Il problema però è che PMI dichiara solo 9 lobbisti sul Transparency Register, e per tutto il 2012 la società ha stimato le sue spese in lobbying tra €1 milione e €1.25 milioni. Che considerando quest'ultima essere stata la spesa per un semestre e per una sola campagna, evidente è la distonia.

Ma dov'è il problema?

Una premessa: a PMI fanno semplicemente il proprio lavoro, in maniera presumibilmente, e per difendere un business legittimo e molte migliaia di posti di lavoro da una direttiva che da più parti appare assolutamente inadeguata per l'obiettivo di ridurre il numero di fumatori in Europa.

Certamente qualche problema di trasparenza risulta, ma il problema in realtà deriva proprio dalla natura volontaria e limitata del registro della trasparenza UE, incapace di dare un quadro reale dell'attività di lobbying a Bruxelles. Saremmo infatti curiosi di conoscere anche tutte le attività, il numero di persone impiegate e i soldi spesi dalle stesse in attività lobbistiche in favore della TPD e di contrasto alle multinazionali. E magari aiuterebbe sapere anche da dove arrivano i loro finanziamenti. Ma non è dato.

In ogni caso martedì 8 ottobre si capirà se il lavoro di PMI (e di altre società) sulla TPD oltre che ben pianificato riuscirà anche ad ottenere risultati.

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS