NEWS
La Commissione esclude una registrazione obbligatoria per il lobbying
Scritto il 2009-10-27 da lobbyingitalia su Europa

La Commissione ha ammesso che le sue norme sulla “financial disclosure”non hanno funzionato. Lo riporta oggi l’EuObserver (http://euobserver.com/).

Secondo la prima relazione annuale della Commissione sul regime di trasparenza, abbastanza lobbisti hanno firmato il Registro della Commissione europea sul lobbying da permettere che il sistema, attualmente su base volontaria, non debba essere reso obbligatorio.

Il registro dei rappresentanti di interessi della Commissione, più comunemente conosciuto come il Registro del lobbying, è stato ideato per tenere traccia di tutti coloro che cercano di influenzare il processo decisionale dell'UE. È stato ampiamente criticato dagli attivisti per la trasparenza a causa della mancanza di standard di reporting rigorosi e per la scarsa sorveglianza.

Ma secondo il Report della Commissione pubblicato il 27 ottobre, il processo “è un successo" visto che il numero dei registrati "ha già superato i 2.000. "
"La commissione ha visto un afflusso costante di iscrizioni nel corso degli ultimi 16 mesi, e il numero continua a crescere", recita la relazione.
"Un grande e sempre crescente numero di associazioni di categoria attive nel lobbying si sono registrate, come pure lobbisti 'in-house' nelle società, e questa tendenza non mostra segni di saturazione per il momento".
"La Commissione ritiene che il registro nel suo primo anno pilota ha percorso una lunga strada sia in termini quantitativi che qualitativi”, conclude la relazione. "Nel complesso, l'approccio volontario sta funzionando e deve pertanto essere mantenuto".

L'approccio volontario è stato oggetto di critiche da parte dei gruppi sulla trasparenza già prima del lancio del Registro.
Nel suo esamedel Registro a giugno, l’ Alliance for Lobbying Transparency and Ethics Regulation (Alter-EU) ha scoperto che dei 2.600 soggetti che operano nel lobbying a Bruxelles, secondo una stima del Parlamento europeo del 2003, solo il 22,8 % si è registrato.
Il numero dei dichiaranti è gonfiato, sostiene Alter-UE, in quanto il Registro del lobbying è pieno di "spam", ad esempio organizzazioni che hanno poco a che fare con il lobbying delle istituzioni dell'UE, ma che hanno firmato il Registro credendo che accrescerà il loro profilo o perché pensano che li aiuterà ad accedere a finanziamenti europei o ad altri fondi.

“Financial disclosure”

Tuttavia, la Commissione ha ammesso che le norme in materia di divulgazione finanziaria devono essere effettivamente inasprite - una delle richieste principali degli attivisti per la trasparenza.
Al momento, coloro che si registrano hanno la possibilità di dichiarare quanto si spende sia all'interno di bande di € 50.000 sia di esprimere la stessa cifra come percentuale del fatturato. Se scelgono di registrare la spesa in termini percentuali, possono farlo in termini di quote del 10 %, che secondo la Commissione permette ai lobbisti di nascondere ciò che stanno effettivamente spendendo per conto di un cliente.
"Questo significa che coloro che scelgono di usare le percentuali non vengono trattati allo stesso modo", ammette la Commissione nella sua relazione.
"A chi ha un fatturato molto grande e molti clienti, che sceglie l'opzione percentuale, è di fatto permesso essere molto meno trasparente di coloro che hanno un fatturato inferiore e solo pochi clienti. I primi possono offrire ai loro clienti un livello molto più elevato di riservatezza sulla dimensione dei loro contratti rispetto alle piccole imprese".
Due delle maggiori società di lobbying, Burson-Marsteller e Hill and Knowlton, semplicemente elencano i loro clienti come rientranti ciascuno sotto la soglia del 10 % del loro fatturato. Ma per queste due grandi società, il 10 per cento del loro fatturato potrebbe significare rispettivamente fino a 690.000 e 810.000 euro.

Per eliminare questo problema, la Commissione intende abolire l'opzione percentuale e introdurre tre scale di riferimento.
Le imprese con un fatturato annuo inferiore a € 500.000 - le cosiddette boutique di pubbliche relazioni - devono segnalare la loro spesa per conto dei clienti in tranches di € 50.000; per società di medie dimensioni con fatturato compreso tra 500.000 e 1 milione di euro, tranches di 100.000 euro; le imprese più grandi, con fatturati di oltre un milione, tranches di € 250.000.

Cosa conta come lobbying?

Attivisti e lobbisti l'anno scorso si sono lamentati del fatto che la Commissione non avesse fornito una definizione chiara e ampia di ciò che costituisce attività di lobbying.
Anche l'esecutivo Ue ha detto che ciò che conta come attività di lobbying "deve essere reso più specifico."
Coloro che si registrano dovrebbero d'ora in poi "dichiarare tutte le spese riguardanti azioni avviate con l'obiettivo di influenzare la formulazione delle politiche europee e i processi decisionali, a prescindere dal canale di comunicazione o supporto utilizzato."
Come sottolinea la relazione, ciò include eventi sociali o conferenze.
Sono comprese anche le attività dirette a diplomatici di Stati membri dell'UE, considerate fino ad ora come una zona grigia.

"[Il lobbying] include anche attività dirette alle rappresentanze permanenti degli Stati membri, inclusa la Presidenza del Consiglio dell’Ue", avverte la Commissione, pur facendo un'eccezione per le attività in cui lobbista cerca di influenzare le proprie capitali nazionali o regionali o i governi delle città.

Studi legali e think-tank giocano sporco

La relazione della Commissione punisce anche studi legali e think-tank per aver rifiutato di registrarsi; in particolare i think-tank sostengono fermamente di non esercitare alcuna attività di lobbying.
La Commissione cita alcuni passi della letteratura dei think-tank stessi che pubblicizzano le "impareggiabili" opportunità di lobbying che essi offrono.

Ma l'esecutivo UE resta fermo nel rifiutare di chiedere a coloro che si registrano di elencare i nomi dei lobbisti, dicendo che i nomi delle organizzazioni sono sufficienti. Gli attivisti dicono che senza i nomi il Registro è "utile come una rubrica senza numeri."

La relazione inoltre non si pronuncia su un ulteriore controllo da parte dei funzionari del Registro o un'applicazione più severa delle regole.
All'inizio di quest'anno, quando emerse che la Federazione di Cheerleading irlandesi aveva erroneamente firmato il Registro e che un imprenditore italiano lo aveva bombardato con una serie di organizzazioni apparentemente false, la Commissione aveva ammesso di non avere il personale per esaminare la veridicità delle informazioni di ciascuno.
"Noi non controlliamo tutte le voci, ovviamente," ha detto un funzionario della Commissione all’EUobserver. Le informazioni provengono da chi si registra e noi abbiamo posto su di loro gli oneri per la registrazione. E ' sotto la loro responsabilità. La Commissione europea non approva o verifica ciò che succede".

Valentina Tonti

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS