NEWS
L’anno del lobbying trasparente
Scritto il 2009-04-10 da lobbyingitalia su Europa

EUOBSERVER / COMMENT – Iniziamo il 2009 con qualche buona notizia. Il registro dei rappresentanti di interessi della Commissione europea, lanciato nel giugno 2008, sta procedendo molto bene. I cittadini europei hanno ora un accesso diretto alle informazioni sull’ esistenza, diversità e molteplicità degli interessi rappresentati. Sei mesi dopo l’avvio del registro, sono circa 800 le organizzazioni registrate, ed aumentano ogni giorno. Si tratta di un progresso reale, e per apprezzarlo pienamente si dovrebbe ricordare il punto di partenza nel 2006. Nessuno dei 15 "vecchi" Stati membri dell'UE hanno regolato il lobbying, anche se alcuni stanno attualmente discutendo se farlo. Nel Regno Unito, per esempio, dove una recente indagine ha segnalato un alto numero di casi di lobbying improprio, la Camera dei Comuni ha proposto di passare dal totale affidamento sull’ autoregolamentazione ad una registrazione obbligatoria su cui vigila un organismo indipendente. Tra i 12 Stati membri che hanno aderito all'UE nel 2004 e nel 2007, solo l'Ungheria, la Polonia e la Lituania hanno regolamentato il lobying.

Al livello delle istituzioni dell'Unione europea, l' “Iniziativa europea per la trasparenza” ha ripreso il dibattito quasi da zero nel 2005. C'è e c’è stata una qualche forma di autoregolamentazione da parte di alcuni organismi professionali con sede a Bruxelles, ma l'adesione è frammentata e non pienamente rappresentativa della comunità del lobbying. Ci sono stati vari codici di condotta, ma non uno unico autorevole, non c’è stato un approccio comune tra le principali istituzioni dell'UE, e le informazioni comunicate erano minimaliste.

Oltre l’autoregolazione

Agendo prima che ci fosse uno scandalo, la Commissione ha scelto di offrire alla professione l'opportunità di mantenere le attuali relazioni aperte, senza imporre barriere burocratiche e pesanti obblighi di rendicontazione. In linea con questo approccio, l’adesione al registro è volontaria. Si tratta di una opportunità per i lobbisti in buona fede, che offre un bonus per la trasparenza e pone sui lobbisti l'onere di gestire la reputazione della loro professione. Questo approccio si differenzia da quello degli Stati Uniti, in cui il legislatore pone una penale. Ma il modello europeo va ben al di là dell’ auto-regolamentazione: infatti, la Commissione ha progettato e gestisce il registro; si è impegnata per la sua effettiva applicazione e per l’applicazione di sanzioni dove giustificate; ha adottato un codice di condotta obbligatorio e impostato le informazioni minime obbligatorie necessarie per aderire. Abbiamo anche annunciato chiaramente che la registrazione sarà obbligatoria se la nostra gentile richiesta di aderire volontariamente non verrà ascoltata. Questi dovrebbero essere visti come importanti primi passi. Un’ importante barriera mentale è stata infranta, e la professione ha accettato il fatto che la registrazione stia facendo capolino in Europa.

Studi legali e think-tanks nascosti dietro la curva

E’ prematuro trarre ulteriori conclusioni a metà del periodo di prova. Tuttavia, dopo solo sei mesi, si può già dire che il registro funziona. E’ facile la ricerca di informazioni in esso ed è facile registrarsi. Inoltre l'iscrizione è presa sul serio, e la professione è disposta a fare lo sforzo necessario. Alcune delle più grandi società di lobbying a Bruxelles si sono registrate, divulgando il loro elenco dei clienti e il fatturato ottenuto dalla loro attività di lobbying nelle istituzioni UE. Questo è incoraggiante, e mi auguro che coloro che ancora esitano ne considerino attentamente le implicazioni. Nessuno dei principali studi legali che combinano pratiche legali e lobbying si è registrato; come a Washington, gli studi legali fanno un "doppio tuffo" nei bilanci dei loro clienti. Agli studi legali con doppia attività non dovrebbe essere consentito a "nascondersi dietro il foro". Inoltre, ci sono più di 60 think-tank a Bruxelles, e nessuno dei maggiori si è registrato,ma l'esperienza dimostra che la natura accademica imparziale associata con il concetto stesso di think-tank sono spesso utilizzati per promuovere interessi speciali di parte.

Sotto un maggiore scrutinio

La Commissione proseguirà i suoi sforzi per aumentare la copertura del registro. I lobbisti non registrati sono suscettibili di essere sotto un controllo maggiore, e abbiamo detto al nostro personale di documentare e registrare qualsiasi contatto sostanziale con lobbisti non registrati. Il personale è stato inoltre avvisato di essere trasparente con i loro superiori ogni volta che entra in contatto con lobbisti, e di chiedere i loro contatti per registrarli. Ulteriori misure sono in fase di preparazione. In parallelo, la Commissione europea e il Parlamento europeo stanno lavorando insieme alla possibilità di istituire un registro comune per tutti i gruppi coinvolti che provano ad influenzare i processi decisionali nell'Unione europea. L'obiettivo è quello di dare alla professione un unico registro, senza oneri burocratici, fornendo al pubblico un unico punto di accesso e un quadro completo del ruolo dei lobbisti negli organi decisionali. La relazione di un gruppo di lavoro congiunto era prevista nel mese di febbraio, dopo il mio incontro con il Parlamento europeo, con il vice-presidente Diana Wallis e i deputati Ingo Friedrich e Jo Leinen, per discutere le varie opzioni. A prescindere dai dettagli concordati, un passo avanti a livello mentale è stato fatto e in futuro il lobbying a Brussels sarà certamente più trasparente.

Siim Kallas è vice-presidente della Commissione europea e responsabile per gli affari amministrativi, audit e lotta antifrode

SIIM KALLAS

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS