NEWS
La carica dei nuovi lobbisti (Sole 24 Ore)
Scritto il 2009-01-20 da Franco Spicciariello su World

(Mario Platero) Eventi pubblici e feste private seguono il passaggio di consegne. Ecco come cambia la mappa del potere a Washington con Obama

Change? Cambiamento? Sulla carta è totale: per la prima volta oggi un afroamericano giurerà fedeltà alla Costituzione ai piedi del Campidoglio e andrà alla Casa Bianca. Escono i repubblicani ed entrano i democratici. Per la prima volta in otto anni a Washington cambia la mappa del potere esecutivo. E dunque cambia il "networking", cambiano gli equilibri del potere, i punti di riferimento. Da tre giorni Washington è travolta da feste, mondanità private, eventi ufficiali il cui unico obiettivo è quello del passaggio informale delle consegne fra le eminenze grigie, gli intermediari del potere, i lobbisti, che l'ultimo censimento informale ha contato in 22mila.

Sono loro al centro di una cinghia di trasmissione che produrrà migliaia di nomine, ambasciatori, consiglieri legali della Sec, vicesegretari, assistenti del ministro: «I ministri e le persone chiave attorno a Obama li conosciamo. Ma gli altri soffrono. Sono queste le giornate decisive in cui un incontro, un contatto giusto, può tradursi in una nomina», dice Douglas Maguire, del Meridian International Center, un ente non profit molto vicino ai democratici.

Ci sono dunque gli eventi pubblici e ufficiali, come le tre diverse cene di ieri sera per Colin Powell, per il senatore Joe Biden, per il senatore John McCain, alle quali ha fatto un'apparizione Barack Obama. E ci sono gli eventi privati: come la festa di domenica a casa di Maureen Dowd, l'editorialista del New York Times che ha contribuito non poco alla svolta di Obama in apertura delle primarie. Il suo party è strettamente "networking". Talmente ricercato e affollato che l'attore Tom Hanks resta fuori. La caratterizzazione del party della Dowd riguarda i media e Hollywood: il glamour che si riflette sul "business". George Lucas, produttore e regista, Susan Rice prossimo ambasciatore alle Nazioni Unite, Arianna Huffington, editore dell'Huffington Post, Andrea Mitchell della Nbc (con il marito Alan Greenspan), Margaret Warner, anchor della Pbs, George Stephanopoulos (ex Clinton oggi Abc) David Gregory, la nuova star del programma "Meet the Press" (anche lui resta fuori). C'è anche David Geffen, produttore massimo a Hollywood. È lui che per primo, in un momento delicatissimo delle primarie, ha spaccato Hollywood organizzando una rivolta contro Hillary Clinton. Il suo è stato il primo segnale, lanciato dalle colonne della Dowd, che le cose potevano davvero cambiare. Che davanti a Obama la macchina del potere dei Clinton non era granitica: «Momenti gloriosi: primarie e campagna di fuoco. Mi basta gustare questa vittoria» dice Geffen.

Ma chi lo conosce osserva che «l'onore di qualche riconoscimento» non gli dispiacerebbe affatto, «ma scommetto che alla fine non avrà nulla», ripete l'anonimo informato. Da Jane Hartley, invece, nella sala privata del ristorante Nora, ci sono i banchieri. La Hartley, presidente dell'Observatory Group, un gruppo di consulenti politici a New York, riceve con il marito, Ralph Schlosstein, grande finanziere. Rifiuta l'etichetta della lobbista. Nell'epoca Obama il cambiamento è la parola chiave. E il presidente eletto ha detto chiaramente che i lobbisti sono "out", che non avrà bisogno di loro e del loro aiuto per raccogliere fondi. Ma la Hartley ha raccolto quasi 2 milioni di dollari per la campagna democratica. A qualcosa è servito: da lei, domenica sera, per la delizia dei banchieri c'è Christopher Dodd, il potente presidente della commissione bancaria del Senato. Intorno a lui, per la categoria "finanzieri privati" ci sono i banchieri Joe Perella, Vincent May e Roger Altman, ma anche finanzieri afroamericani della nuova generazione: Raymond McGuire, il nuovo capo di Investment Banking a Citigroup e Ronald Blaylock di GenNx360, amico di Obama da vent'anni.

Su tutte, vince la battuta che Perella recita a Dodd: «Sa che differenza c'è tra Madoff e i grandi capi delle istituzioni a Wall Street? Madoff sapeva benissimo quel che stava facendo. Gli altri no». Dalla Hartley c'è anche Dick Holbrooke: ci conferma che andrà come inviato speciale per il conflitto in Afghanistan. Farò del mio meglio. Il networking funziona anche per lui, apprende da uno dei presenti un dettaglio importante sugli equilibri di potere in Pakistan. C'è un'altra primizia in questa inaugurazione: i "Dotcom" fanno networking anche loro. Larry Summers, capo consigliere economico di Obama, è andato soltanto al party di Christopher Hitchens per Slate.com per cui lavora. Non aveva l'aria allegra, in compenso non c'erano banchieri. Ieri notte il più conteso è stato il party dell'Huffington Post, al Newseum, con concerto di Sting. E i lobbisti che non si nascondono dietro il dito della semantica? Ieri notte c'è stato il party di Vernon Jordan, avvocato, afroamericano e capitano di lungo corso dei corridoi del potere.

Ma c'è già chi scommette che al primo posto dei lobbisti nell'era Obama salirà Tony Podesta, il fratello di John, il capo della transizione di Obama, la persona cui è toccata la responsabilità di suggerire nomi e gestire il processo di nomine. Tony, con la moglie Heather, potrà chiamare chiunque nella nuova amministrazione. La lista dei suoi clienti è già diversificata. I più importanti: la Bp, Lockheed Martin, Novartis, Amgen, Sunoco e persino Wal-Mart, che rifiuta la sindacalizzazione. Forse anche Tony sta pensando, in nome di Obama, a presentarsi non come lobbista, ma come... "facilitator", perché tutto cambi restando come prima.

Articoli Correlati
Il 2015 è l'anno di Milano, capitale mondiale del food e del design grazie all'esposizione universale. IKEA stupisce tutti con una nuova iniziativa assolutamente inedita ed inaugura un temporary space in pieno centro, a Porta Genova, in via Vigevano, 18. Non è una scelta casuale: è facilmente riconoscibile, ben contestualizzato in una location affascinante a pochi passi da via Tortona, la via del design più alla moda e facilmente raggiungibile. Situato in un ex edificio industriale circondato da aree verdi sapientemente distribuite appositamente create per l'occasione, il salone è sviluppato su tre piani ed è dedicato all'ambiente cucina. Una scelta che si ricollega perfettamente al tema portante dell'EXPO, "Nutriamo il pianeta", ed al concetto del mangiar sano, del cibo e degli alimenti presenti sulla tavola. IKEA, il colosso svedese leader nel mercato del mobile, non si lascia sfuggire quest'occasione. Nello spazio espositivo del temporary i componenti d'arredo tipici del marchio IKEA (scodelle, posate, bicchieri, etc.), ma anche gli stessi alimenti da poter acquistare. Per i curiosi e gli appassionati sarà possibile anche seguire corsi di cucina Food Lab, in spazi dedicati a laboratori. Per chi invece non desideri mettersi ai fornelli, ma solo godersi un buon pranzo o una cena rilassante, potrà farlo in un delizioso bistrot allestito su un piano intero dell'edificio. #IKEAtemporary sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2015 (per l'appunto, verso la fine dell'Expo). Osserverà un orario piuttosto ampio: tutti i giorni dalle ore 12:00 alle ore 22:00, il venerdì il sabato e la domenica fino alle ore 24:00. Un'esperienza da provare! Sponsored by IKEA Italia

Mondo - Comunicablog

Fumata nera dalla riunione dei ministri delle finanze dell'Eurogruppo per negoziare l'ennesimo salvataggio della Grecia. L'incontro in calendario lunedì 16 febbraio si è concluso con un nulla di fatto e tutto è rimandato a venerdì 20, con l'ottimismo del greco Yanis Varoufakis - "Non ho dubbi che i negoziati continueranno domani, il giorno dopo, e non ho dubbi che ci sarà un accordo che sarà terapeutico per la Grecia e buono per l'Europa" - che si scontra con la palese irritazione del tedesco Wolfgang Schäuble, che si è detto "molto scettico" circa la possibilità di trovare una soluzione e ha definito il governo di Atene "irresponsabile". Ma che cosa ha determinato il muro contro muro che ha portato allo stop delle trattative? Nonostante si parli di "punti", la Grecia sostanzialmente ha bocciato per intero la proposta dell'Eurogruppo formulata dal presidente Jreon Dijsselbloem. Il "no" di Varoufakis e del premier Alexis Tsipras va infatti all'estensione per un altro semestre dell'attuale programma (che scade a fine febbraio), con l'invito a un uso migliore della flessibilità prevista, all'impegno "ad astenersi da azioni unilaterali", che in soldoni significa accettare le condizioni della Troika, e alla necessità di "assicurare surplus primari adeguati", definizione che glissa in modo sibillino sull'obiettivo del 3% previsto per il 2015. In disaccordo con l'Europa, infatti, il governo di Atene vorrebbe in prima battuta discutere dei prestiti e, come diretta conseguenza, definire un nuovo programma tout court, che preveda nuovi bond, perpetui e indicizzati al tasso di crescita nominale del Pil, ed eviti (ulteriori) interventi sulle pensioni e rialzi dell'Iva. Due posizioni che sembrano difficialmente conciliabili, ma che il ministro delle Finanze greco pensa possano ancora trovare un punto di incontro, anche perché - come lui stesso ha dichiarato - "nella storia dell'Europa dagli ultimatum non è mai arrivato nulla di buono". Venerdì dunque è un giorno cruciale. Per il momento infatti i mercati stanno reagendo cautamente alla fumata nera della riunione dell'Eurogruppo, confidando in una soluzione all'impasse, anche se le prime avvisaglie di una certa tensione iniziano a manifestarsi. All'apertura delle borse di questa mattina, infatti, l'analista di Ig Stan Shamu ha dichiarato che se venerdì le parti non troveranno un accordo, "il pericolo di un ritorno all'avversione al rischio diventa molto reale", con il conseguente allontanamento degli investitori e l'aumento degli spread sovrani. Uno scenario che per Atene significherebbe la messa in discussione della solvibilità e - in ultima drammatica istanza - la bancarotta. A quel punto si aprirebbero scenari diversi, ma a prescindere dalla paventata uscita della Grecia dall'Euro, per la moneta unica sarebbe un colpo durissimo, assestato in un momento di debolezza patologica, dovuta all'incertezza della situazione attuale e a un progressivo sfaldamento dei Paesi membri dell'Unione, che di fronte alla crisi scelgono - naturalmente - di salvaguardare i propri interessi, con tutte le conseguenze del caso.

Mondo - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS