NEWS
Lobbisti sempre più forti, ora vogliono la patente
Scritto il 2007-10-05 da lobbyingitalia su Italia

Quanto può valere per un’azienda o una categoria un emendamento alla Finanziaria? E la conquista di una postazione nella battaglia al Senato contro il terzo pacchetto di liberalizzazioni firmato Bersani?
Visto lo sviluppo dell’attività di lobbying in Italia, potrebbe rispondere anche un bambino. In 5 anni la domanda di professionisti specializzati è cresciuta almeno del 60 per cento. Alle università di Roma e Camerino si offrono i primi master. E il mercato crea almeno 10 mila posti di lavoro. Eppure, diversamente da quanto avviene negli Stati Uniti o a Bruxelles, i lobbisti non hanno trovato ancora una regolamentazione.
Dopo una ventina di progetti legislativi andati in fumo negli ultimi dieci anni, adesso ci prova il ministro per l’Attuazione del programma Giulio Santagata, firmatario del primo disegno di legge di ispirazione governativa che, tenuta del governo permettendo, dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri il 20 di ottobre (il giorno della marcia della sinistra radicale contro il pacchetto welfare).
Due i principi cardine: riconoscimento del diritto all’attività di lobbying e trasparenza nei contatti. “Pensiamo a un registro in cui le autorità dovranno comunicare i lobbisti con cui sono entrati in contatto prima del processo legislativo” spiega il capo di gabinetto Michele Corradino. “Sancire il diritto di lobbying servirà a far cadere l’aura negativa che circonda questo mestiere”.
Ai lobbisti serve di più. Una patente di professionalità che distingua “mi manda Picone” da chi parla tre lingue e ha frequentato un master alla George Washington University o alla London school of economics. Se ne discute venerdì 5 ottobre a Firenze nel corso di un incontro nazionale organizzato dalla OpenUp, società di lobbying territoriale, e dalla Cattaneo Zanetto & Co, tra le prime cinque società italiane per fatturato. “Il mercato è in forte ascesa. L’attività di lobbying negli Usa ha raggiunto lo scorso anno 1,85 miliardi di euro, in Europa le stime parlano di 750 milioni l’anno” ricorda Paolo Zanetto. “Ma a causa del limbo in cui versa il settore, in Italia non possiamo nemmeno azzardare un conteggio”.
Colpa anche della frammentazione del mercato, fatto di consulenti, dirigenti aziendali e grandi network delle pubbliche relazioni come Burson Marsteller e Weber Shandwick. L’Assorel (l’associazione delle società di pubbliche relazioni) ha calcolato che nel 2006 la sola attività di “public affairs” svolta dalle aziende di pr valeva circa 2,9 milioni, mentre le società indipendenti oltre i 500 mila euro di ricavi sono pochissime. Svetta su tutte la Reti, holding di Claudio Velardi che attraverso la controllata Running ha formato dal 2001 a oggi 150 lobbisti. Quindi la Fb Comunicazione di Fabio Bistoncini, 1 milione di fatturato e prima società nata in Italia. “A dare impulso al mercato sono state le liberalizzazioni che aprendo il mercato hanno sviluppato un’intensa attività di lobbying” spiega Bistoncini. “A questo dobbiamo sommare l’influenza delle normative europee e la necessità delle multinazionali di confrontarsi prima con Bruxelles e poi di declinare l’attività nei vari paesi”. È dalle relazioni istituzionali, dunque, che passa qualsiasi apertura di credito politico o legislativo alle imprese.

Un ruolo delicato. Come dimostrano la squadra della Telecom Italia, che tra Roma e Bruxelles impiega una novantina di persone. E scelte come quella della Fiat e del Gruppo Ras. La prima si è affidata all’ex amministratore delegato del Sole 24 Ore Ernesto Auci. La Ras a Giuseppe Mazzei, già vicedirettore del Tg1 e del Tg2 ed ex responsabile delle relazioni istituzionali tra la Rai e le authority.
http://blog.panorama.it/economia/2007/10/09/lobbisti-sempre-piu-forti-ora-vogliono-la-patente/

Antonella Bersani - Panorama

Articoli Correlati
Lunedì 2 Luglio alle ore 17,30 a Roma nella sede di Confedilizia, Via Borgognona 47, si terrà il seminario organizzato da Open Gate Italia in collaborazione con FB & Associati dal titolo “Dalla crisi politica alla crisi istituzionale: quali (nuove) regole per la Terza Repubblica?” Dopo un’introduzione del Prof. Giovanni Guzzetta, Presidente di Open Gate Italia, affronteranno il dibattito, moderati da Andrea Morbelli Partner della società di consulenza Open Gate Italia, il Senatore Anna Maria Bernini di Forza Italia, l’Onorevole Stefano Ceccanti del Partito Democratico, il Senatore Vincenzo Presutto del Movimento 5 Stelle, l’Onorevole Guido Crosetto di Fratelli d’Italia e Fabio Bistoncini, AD & Founder FB & Associati.  Si parla di crisi di sistema. Quando la Terza Repubblica affronterà le riforme?  Il seminario partirà dall'interrogativo posto dal Presidente di Open Gate Italia, Prof. Giovanni Guzzetta: “Quali istituzioni per la Terza Repubblica? Il tema delle riforme istituzionali è da sempre consegnato ad un amaro destino e nei momenti più drammatici di crisi del sistema politico vengono invocate a gran voce. Ma in quei momenti la gravità della crisi rende impossibile realizzarle. Quando, più o meno miracolosamente, la crisi trova una soluzione, per quanto provvisoria, le riforme escono di scena e l’attenzione viene focalizzata sulle speranze suscitate dai nuovi equilibri”. Per info: www.opengateitalia.com – email: info@opengateitalia.com

Imprese - Lobbyingitalia

Professionisti oppressi da montagne di documenti e dalla burocrazia che comporta l'interazione con gli uffici giudiziari? In vostro aiuto arriva GenIUS di Astalegale.net, il software conveniente e semplice pensato per snellire e facilitare le procedure del Processo Civile Telematico (PCT). Società leader in Italia nel settore della pubblicità legale e nell'informatizzazione delle procedure esecutive e concorsuali, Astalegale.net ha messo ha frutto l'attività pluriennale svolta presso diversi Tribunali per sviluppare un gestionale dedicato ad avvocati, commercialisti, agronomi e periti a vario titolo operanti con i Tribunali d'Italia, che consente la redazione di documenti e il loro deposito con valore legale (ovvero con certificato di ricezione dalla cancelleria) e in modo telematico e prevede numerose altre funzioni di grande utilità per i professionisti. Come spiegato nel video di presentazione del software, GenIUS permette infatti di liberarsi di carta e incombenze e di ottimizzare i tempi con un servizio all in one che dà la possibilità di consultare, inviare, archiviare e delegare atti e documenti e di gestire la fatturazione alla PA e il pagamento delle spese di giustizia completamente per via telematica, appoggiandosi a un unico ambiente. In particolare, il gestionale di Astalegale.net risponde all'esigenza prevista dalla nuova normativa secondo la quale tutte le fatture per la PA devono essere in formato elettronico, ricercando automaticamente gli enti ai quali emettere le fatture, inoltrando queste ultime al sistema ministeriale per la validazione, monitorandone la convalida e conservandole a valore legale per 10 anni come richiesto. Per quanto riguarda le spese di giustizia, invece, oltre a permettere di effettuare i pagamenti in modalità telematica, GenIUS consente anche di ricercare le ricevute direttamente nei registri di cancelleria. Inoltre, il sofwtare di Astalegale.net è web based senza installazione, prevede la funzione backup per tutto, non richiede aggiornamenti e può essere utilizzato da qualsiasi dispositivo, anche mobile. Last but non least, GenIUS è semplice da utilizzare grazie a un wizard che spiega tutti i procedimenti, a una guida online sempre aggiornata, a un numero verde dedicato e a un team di specialisti dislocato presso 60 Tribunali che offre un'assistenza diretta puntuale e qualificata. Maggiori informazioni su GenIUS e su tutti i servizi e le attività di Astalegale.net sono disponibili sul sito infogenius.astalegale.net. Sponsored by Astalegale

Imprese - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS