NEWS
Daniel Gueguen: L'arte di giocare d'anticipo si impara sui banchi di scuola
Scritto il 1995-06-06 da lobbyingitalia su Interviste

Si sarebbe potuto pensare che gli allievi che seguivano i corsi dell'Istituto europeo degli affari pubblici e del lobbying fossero dei debuttanti, che non conoscessero granché delle lobby e delle istituzioni europee. Invece, consultando la lista degli ´studenti', si possono trovare alcuni nomi che si sarebbero visti nella parte dei professori, piuttosto che in quella degli allievi.

´Il motivo è che i nostri corsi sono essenzialmente pratici', sottolinea Daniel Guéguen, co-direttore degli studi e lobbysta del settore ´zucchero' presso la Comunità europea, in qualità di rirettore generale del Comitato europeo dello zucchero. ´I nostri professori sono degli esperti, degli uomini politici, dei funzionari europei, dei responsabili di azienda e dei giornalisti. Il loro lavoro consiste nel rispondere alle domande'. Detto ciò, continua Guéguen, ´io stesso sono sorpreso dal successo ottenuto dalla scuola presso i media. Tant'è vero che tutti ne parlano'. Ed è assolutamente logico che ne parlino sia la stampa che la televisione: degli specialisti dell'argomento lobby devono riuscire a far passare il proprio messaggio. Ma il successo ha sicuramente delle ragioni più profonde. é tutta l'azienda, a tutti i suoi livelli, che si confronta con la lobby.

´Cito, come esempio, il fatto che ogni lavoro deve essere concluso con una memoria. All'inizio io pensavo che questi uomini d'azienda, già oberati dai loro compiti quotidiani sarebbero stati reticenti all'idea di dover produrre una memoria. Devono già seguire due sessioni di corsi alla settimana per un periodo di tre mesi. Invece, l'80% di loro ha risposto affermativamente: vogliono redigere una memoria del lavoro svolto perché intendono approfondire la materia'.

Il vero motivo del successo ottenuto da questa scuola è da cercare proprio in questa direzione: approfondire per meglio gestire. Sia i quadri che i dirigenti conoscono perfettamente che cosa significa lobby. Come dice Guéguen, ´sanno che si tratta di informare, di dialogare e di arrivare a una forma di consenso. Ma come è meglio agire? Loro infatti sanno poco delle lotte tra le diverse lobby. E non conoscono i metodi per giocare d'anticipo sulle lobby avversarie. Non conoscono come, dove e quando reperire le informazioni. Non sanno come strutturare delle cellule con questi compiti all'interno della loro azienda'.

´Io chiedo loro di leggere molto, soprattutto i giornali', continua Guéguen. Perché, ´così come per lo spionaggio sovietico, l'80% delle informazioni necessarie è disponibile nella stampa o nelle pubblicazioni indirizzate al grande pubblico dei lettori. Ma bisogna saper collocare queste informazioni nella giusta prospettiva. Se si confronta un'informazione apparentemente insignificante per un'azienda e la si vede in prospettiva ponendosi le vere domande, si arriva immediatamente ad anticipare. Un esempio: qual è l'impatto della legge Toubon in materia di utilizzo della lingua francese sull'organizzazione dei congressi in Belgio o nel settore delle offerte di lavoro?'.

Ma la lobby deve avere anche delle basi solide. Per Guéguen, ´la lobby è piramidale. La punta è costituita dai lobbysti. Vengono poi le federazioni professionali, Il vertice è costituito dalle aziende e il personale forma la massa, la base di appoggio. Bisogna quindi informare il personale se si vuole che il vertice agisca in modo efficace e convincente'.

´Se si aggiunge la nozione della trafila che va dal produttore al trasformatore e infine, al consumatore, la lobby diventa l'arte di anticipare, di avere una visione sul futuro', dice Guéguen. Di conseguenza, la lobby deve avere delle implicazioni a tutti i livelli dell'azienda.

´Mi viene chiesto spesso che cosa significa avere un'informazione "a qualsiasi costo". Forse la busta sotto il tavolo? Io rispondo che la domanda non ha senso di essere se si è strutturati. In una struttura, si definisce un'etica. Dunque il prezzo ha dei limiti di etica e non ci sono buste sottobanco. Però, se la lobby trascura le considerazioni sociali, non si difende bene. Bisogna sempre pensare a difendere il proprio dossier anche in termini di immagine. Questo costa caro, si dice. Ma un'immagine negativa non costa forse molto più cara?', si interroga Guéguen.

Di conseguenza, ´è solo con questo spirito che una professione può autoregolarsi come deve. Senza questo, non può funzionare'.

La lobby deve essere infatti l'arte di anticipare e non bisogna aspettare la crisi per agire, ´io credo che sia principalmente questo che i quadri e i dirigenti devono imparare: a riconoscere il momento iniziale dell'anticipazione di un avvenimento. Per fare questo, bisogna saper leggere e decodificare le informazioni, ciò che accade nella società. Un fatto isolato, che non riguarda l'azienda, potrà avere negli anni che seguono un impatto considerevole. Tanto vale dunque individiare questo fatto il prima possibile e agire di conseguenza', sottolinea Guéguen, autore, tra l'altro, di Guida al labirinto comunitario.

Ma anticipare significa combattere la disinformazione. ´Tutti fanno dell'informazione, attualmente. Si può così presentare il falso e il vero allo stesso tempo. Si sostiene di aver guadagnato quando invece si è perso. Bisogna quindi imparare a decodificare queste informazioni. é anche a questo che serve la lobby'.

Il tempo è tiranno e anche questo giustifica delle informazioni. In quanto, ritiene Guéguen, ´nelle amministrazioni europee i funzionari sono ben attrezzati. Sono competenti e conoscono i loro dossier. La lobby riuscirà quando le aziende avranno delle équipe altrettanto competenti ed efficaci'.

Ma perché frequentare una scuola privata? ´Ho proposto alle università francesi e belghe di istituire dei corsi consacrati alla lobby. Gratuitamente. Ma mi hanno fatto capire che non lo ritenevano interessante'.

Effettivamente, nessun universitario segue i corsi di Guéguen. Dove invece si possono trovare molti funzionari.

Italia Oggi

Articoli Correlati
Il 20 dicembre al Centro Studi Americani si svolgerà l’incontro con Patrick Costello, direttore del Council on Foreign Relations, Washington External Affairs, dal titolo “Think Tank e policy making, Il modello americano e l’esperienza italiana”. L’evento (qui il link con tutte le info) organizzato da Formiche, Centro Studi Americani e dall’Unità Affari Istituzionali Italia di Enel Group sarà un’occasione di confronto con rappresentanti istituzionali, aziende, associazioni, comunicatori e professionisti del public affairs, sul ruolo dei Think Tank e delle terze parti nello studio e promozione di policy pubbliche. L’esperienza del keynote speaker Patrick Costello, Director of Washington External Affairs del Council on Foreign Relations, tra i più autorevoli Think Tank americani, sarà un utile valore aggiunto per comprendere il ruolo dei “pensatoi” nell’analisi di soluzioni tecniche e politiche da mettere a disposizione per le istituzioni. Ma cosa fa un think tank, e quali sono i think tank italiani? Una recente e completa analisi di Open Polis, “Cogito ergo sum” (qui il link), ha raccolto e raccontato l’azione di più di 100 strutture che creano network e sviluppano argomentazioni su temi specifici. Ognuno di essi è legato ad un particolare polo di potere economico o a una personalità politica. I think tank, di cui Formiche è un attivo rappresentante, rispondono all’esigenza sempre più comune di trovare una “casa” alle idee politiche, sempre più compresse tra forme di rappresentanza meno tradizionale e avvento della veloce comunicazione social. Fondazioni, associazioni, libere riunioni di menti e strumenti sono strutture ormai fondamentali per mettere a punto una corretta e inclusiva strategia di lobbying e advocacy da parte dei diversi attori economici. Ai grandi gruppi industriali di ogni settore non basta più essere membri di associazioni di categoria (Confindustria, Confcommercio) o avere una struttura radicata sul territorio per creare una base di consenso. Sempre più i temi tecnici e politici portati al tavolo della discussione con le istituzioni sono suffragati da autorevoli studi di “pensatoi” che rappresentano un orientamento politico e hanno come peculiarità quello di dare un parere “terzo” ad una opinione, coinvolgendo tutti gli attori interessati al tema trattato. L’esperienza americana, raccontata da Patrick Costello, sarà utile a far comprendere che i think tank sono ormai lo strumento fondamentale del lobbista (ma anche, e sempre più spesso, del politico) che, con le parole del prof. Mattia Diletti, “cerca di fare egemonia sul tema, convincendo sulla base di dati e ricerche. Il think tank crea il clima culturale affinché una proposta di modifica legislativa sia possibile”. La natura del think tank in Italia è però diversa da quella anglosassone, perché diversa è la base culturale dei due contesti, e soprattutto è differente la modalità di presa decisionale. Negli USA, ad esempio, nascono insieme all’idea stessa di lobby (per approfondire, un articolo sul NY Times). Ma in Italia si sta evolvendo anche questo aspetto, con il nuovo concetto di “Action tank” che (lo aveva spiegato bene Gianluca Comin nella rubrica Spin Doctor su Lettera43) coinvolge ancor più direttamente le imprese nell’esigenza di raccogliere idee di policy e di trasformarle in azioni concrete.

Imprese - Lobbyingitalia

Professionisti oppressi da montagne di documenti e dalla burocrazia che comporta l'interazione con gli uffici giudiziari? In vostro aiuto arriva GenIUS di Astalegale.net, il software conveniente e semplice pensato per snellire e facilitare le procedure del Processo Civile Telematico (PCT). Società leader in Italia nel settore della pubblicità legale e nell'informatizzazione delle procedure esecutive e concorsuali, Astalegale.net ha messo ha frutto l'attività pluriennale svolta presso diversi Tribunali per sviluppare un gestionale dedicato ad avvocati, commercialisti, agronomi e periti a vario titolo operanti con i Tribunali d'Italia, che consente la redazione di documenti e il loro deposito con valore legale (ovvero con certificato di ricezione dalla cancelleria) e in modo telematico e prevede numerose altre funzioni di grande utilità per i professionisti. Come spiegato nel video di presentazione del software, GenIUS permette infatti di liberarsi di carta e incombenze e di ottimizzare i tempi con un servizio all in one che dà la possibilità di consultare, inviare, archiviare e delegare atti e documenti e di gestire la fatturazione alla PA e il pagamento delle spese di giustizia completamente per via telematica, appoggiandosi a un unico ambiente. In particolare, il gestionale di Astalegale.net risponde all'esigenza prevista dalla nuova normativa secondo la quale tutte le fatture per la PA devono essere in formato elettronico, ricercando automaticamente gli enti ai quali emettere le fatture, inoltrando queste ultime al sistema ministeriale per la validazione, monitorandone la convalida e conservandole a valore legale per 10 anni come richiesto. Per quanto riguarda le spese di giustizia, invece, oltre a permettere di effettuare i pagamenti in modalità telematica, GenIUS consente anche di ricercare le ricevute direttamente nei registri di cancelleria. Inoltre, il sofwtare di Astalegale.net è web based senza installazione, prevede la funzione backup per tutto, non richiede aggiornamenti e può essere utilizzato da qualsiasi dispositivo, anche mobile. Last but non least, GenIUS è semplice da utilizzare grazie a un wizard che spiega tutti i procedimenti, a una guida online sempre aggiornata, a un numero verde dedicato e a un team di specialisti dislocato presso 60 Tribunali che offre un'assistenza diretta puntuale e qualificata. Maggiori informazioni su GenIUS e su tutti i servizi e le attività di Astalegale.net sono disponibili sul sito infogenius.astalegale.net. Sponsored by Astalegale

Imprese - Comunicablog

"Ti lascio. Da oggi merito di più": è questo il nuovo slogan della campagna pubblicitaria Samsung che punta tutto sui nuovi tablet Galaxy Tab S e Galaxy Note Pro e invita i propri utenti a mettere da parte i propri vecchi PC. Per questo motivo ha indetto un'iniziativa che mette a disposizione un buono sconto per l'acquisto di uno di questi prodotti. I consumatori potranno lasciare sul sito dell'iniziativa www.tilascio.com un messaggio di addio per il proprio computer oppure una foto che testimoni in che modo il vecchio dispositivo è stato riutilizzato o riciclato. Per tutti i partecipanti Samsung rilascerà un buono sconto da 150 euro che potrà essere usato, dal 18 fino al 30 settembre, nei punti vendita convenzionati, per l'acquisto di un Galaxy Note Pro o Galaxy Tab S. Quest'ultimo rappresenta una vera e propria innovazione del mondo dei tablet professionali. Con schermo Super AMOLED da 10.5", processore Octa Core da 1.9 Ghz, 3 GB di RAM e memoria interna da 16 GB (espandibile fino a 128 GB tramite MicroSD) è un vero e proprio gioiello, perfetto sia per l'utilizzo quotidiano che per quello professionale. Per visionare tutte le informazioni sull'iniziativa di Samsung e le pagine tecniche dedicate ai nuovi tablet potete collegarvi al sito ufficiale  Potrete lasciare i vostri messaggi e leggere quelli già mandati dagli altri consumatori che hanno deciso di "lasciare" il proprio PC per aprirsi alle nuove tecnologie proposte da Samsung. Di seguito vi mostriamo uno dei simpatici video realizzati da Samsung che mostra come è possibile riciclare il vostro vecchio Pc, ma soprattutto come il nuovo Galaxy Tab S sia adatto anche all'utilizzo da parte dei più piccoli grazie alla comodissima "Kids Mode" che impedirà ai vostri figli di mettere mano sui vostri file e cartelle personali. L'iniziativa di Samsung è anche Social: (se volete partecipare potete) condividete il video utilizzando l'hashtag ufficiale #tilascio che Samsung ha dedicato al progetto! Sponsored by Samsung Italia

Imprese - Comunicablog

LOBBYINGITALIA
NEWS